A- A+
Milano
La Polizia di Milano arresta la banda delle gioiellerie: 4 in carcere

La squadra mobile di Milano ha arrestato 4 persone di nazionalità italiana responsabili di due rapine in gioielleria consumate il 3 e il 5 maggio in corso Vercelli e in corso Genova. I quattro, due incensurati e due con precedenti specifici, utilizzavano uno stratagemma particolare: un uomo (C.S., 45 anni, di Torre Annunziata) e una donna (J.P., 36 anni di Milano) si fingevano una coppia interessata all'acquisto di gioielli e, dopo aver visionato la merce, immobilizzavano il proprietario. Intanto un palo (L.P., 47 anni, pregiudicato) controllava la strada e un quarto uomo (G.M., 47 anni) veniva fatto entrare nel negozio dai due. I proprietari venivano minacciati con due pistole, una finta e una vera, picchiati, legati e chiusi in uno sgabuzzino. Le due rapine hanno fruttato rispettivamente 264.000 e 63.000 euro in gioielli, che gli inquirenti stanno cercando presso alcune gioiellerie milanesi e alcuni ricettatori campani. Tre dei quattro arrestati, gli uomini, provengono da Torre Annunziata. Le indagini, coordinate dal pm Giancarla Serafini, hanno portato ai provvedimenti restrittivi ordinati dal gip Simone Luerti. Le indagini si sono avvalse di filmati di videosorveglianza privati, del Comune e di Ecopass che riprendono i quattro arrestati nelle gioiellerie, in strada e sui loro mezzi di trasporto. I quattro stavano tentando di organizzare altri colpi in centro città.

Tags:
polizia milano







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.