A- A+
Milano
La Procura di Milano sequestra i conti bancari di Formigoni

La Procura di Milano ha sequestrato alcuni conti bancari di Roberto Formigoni nell'ambito dell'inchiesta sulla fondazione Maugeri, in cui l'ex governatore lombardo e' accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e appropriazione indebita. Sigilli anche ad alcune proprieta' immobiliari, tra cui la villa ad Arzachena, in Sardegna, che sarebbe stata ceduta nel 2011 a un prezzo ritenuto di favore dagli inquirenti, ad Alberto Perego, coinquilino di Formigoni nella comunita' di Memores Domini. Il sequestro preventivo di tutti i conti, meno uno, di Formigoni - effettuato dalla guardia di finanza di Milano con provvedimento firmato dal gip Paolo Guidi - e' stato motivato col recupero del profitto dei reati contestati a Formigoni nel rinvio a giudizio di un mese fa. Il sequestro ammonta a 49 milioni di euro che sono stati trasferiti sul fondo unico giustizia. L'unico conto risparmiato e' quello in cui il senatore di Ncd percepisce l'indennita' parlamentare mensile.

Dal canto suo, Formigoni ha diffuso una nota in cui nega di avere nella propria disponibilita' contanti e beni per il valore di 49 milioni. "Tranquillizzo tutti, non ho mai posseduto nemmeno la centesima parte di 49 milioni di euro", ha scritto. L'ex presidente lombardo ha quindi elencato i suoi averi che ammonterebbero a due conti corrente, su uno dei quali figurerebbe "un attivo di 18 euro e 20 centesimi", mentre sull'altro "un passivo di 75 mila euro"; tre auto, ma soprattutto solo tre proprieta' immobiliari, tutte al Nord. "E' sconcertante la violenza usata nei miei confronti: hanno sequestrato una casa non mia (in Sardegna) e sequestrato 3 autovetture (non fuoriserie, una Panda, una Multipla e una Mito)". "Non ho mai posseduto ne posseggo una casa in Sardegna - ha sostenuto -. Le proprieta' immobiliari sono un micro appartamento nella periferia di Sanremo di 36 metri quadrati e tre appartamenti in Lecco di 400 metri quadrati complessivi, che sono stati ereditati dai miei genitori. Di tutti questi immobili condivido la proprieta' con i miei due fratelli".

Nel decreto di sequestro, il gip, invece, sostiene che l'uomo d'affari Pierangelo Dacco' e l'ex assessore lombardo alla Sanita' Antonio Simone fossero "gestori di un 'tesoretto' (dell'ordine di dieci milioni di euro) che, in parte, negli anni, veniva messo a disposizione del presidente Formigoni e del suo entourage in relazione a spese per ville, imbarcazioni di alto bordo, lussuose vacanze, cene, appuntamenti elettorali". L'ex patron della Fondazione, Umberto Maugeri, e il consulente Gianfranco Mozzali, ha scritto Guidi, "hanno confermato in sede di incidente probatorio il sistema di pagamento delle tangenti e la connessa ed articolata struttura societaria e contrattuale di supporto in Italia e all'estero, con la compiacenza di numerosi professionisti che hanno concorso a mettere in piedi nel rapporto tra Fondazione Maugeri e Regione Lombardia". Dacco', Simone e Formigoni, "a partire dalla meta' dell'ultimo decennio del secolo scorso", prosegue il gip, "erano sempre stati in stretto contatto (per rapporti di amicizia e per comuni interessi elettorali prima, e via via a seguire anche per interessi affaristici, lobbistici e vacanzieri)". Il giudice osserva che "Formigoni e Perego, nei cui confronti il provvedimento di sequestro preventivo non era stato ancora adottato, non hanno prodotto indagini difensive o indicato fonti di prova o dati indiziari che portino a una lettura di segno opposto o anche solo diverso, limitandosi a una diversa lettura dei fatti che dovra' essere valutata nella sede naturale". Poche le reazioni politiche al provvedimento deciso dalla Procura, tutte limitate al Movimento 5 stelle che chiede le dimissioni di Formigoni da senatore. Il portavoce del Movimento in Regione Lombardia, Giampietro Maccabiani, ha esortato l'ex governatore a "difendersi come qualsiasi cittadino senza lo scudo dell'immunita' parlamentare" e lo ha invitato a rinunciare al "vitalizio d'oro" che gli spetta dalla Regione. "La parabola di Formigoni, insieme alla bufala dell'eccellenza lombarda, tra inchieste per corruzione e associazione a delinquere e' al capolinea", scrive. "Sarebbe infatti un insulto, che un uomo sfiorato da inchieste cosi' gravi restasse perennemente a libro paga dei cittadini lombardi, oltre che nelle istituzioni", continua il consigliere.

 

Tags:
procura formigoni







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.