A- A+
Milano
La Regione contro il Comune: "Su Aler non tappiamo più buchi"

La situazione di deficit in cui si trova Aler Milano deriva "in gran parte dall'inattivita' del Comune e la Regione non vuole tappare più' i buchi dell'inefficienza altrui". A dirlo il presidente della Regione Roberto Maroni presentando il bilancio regionale approvato ieri dall'Aula del Pirellone, nel quale e' stato inserito "anche un fondo di 50 milioni di euro a garanzia delle imprese creditrici di Aler Milano". Maroni ha sottolineato che le risorse "vanno ad aggiungersi ai primi 30 milioni gia' stanziati", ma, ha detto "non intendo mettere anche l'anno prossimo 80 milioni per coprire il buco di Aler Milano". Il governatore ha anche spiegato che sono gia' state prese in considerazione alcune misure per il risanamento dell'agenzia per l'edilizia residenziale milanese, ma, ha aggiunto "vanno pero' discusse con il Comune di Milano che e' parte attiva, o meglio avrebbe dovuto essere parte più' attiva".

Per Aler Milano "vorrei che fosse presidente l'attuale commissario". Cosi' durante la presentazione del bilancio regionale approvato ieri dall'Aula del Pirellone il presidente della Regione Roberto Maroni ha confermato la propria preferenza per la nomina di Gian Valerio Lombardi, ex prefetto di Milano ed attuale commissario straordinario di Aler Milano, alla guida della nuova agenzia per l'edilizia residenziale pubblica milanese. Maroni ha poi ricordato che il bando per le candidature alla presidenza di tutte le Aler scade questo pomeriggio e ha smentito di avere preferenze per i futuri vertici per le altre agenzie. "Non ho debiti da pagare a nessuno - ha detto - sono libero di decidere e di sbagliare, non devo scegliere in base all'appartenenza a questo partito o a quell'altro".

BENELLI - “Sono l’inefficienza e l’inattività di Aler a pesare sul Comune di Milano. Non il contrario. Il presidente Maroni è male informato. Se c’è qualcuno che finora ha sempre pagato quel che doveva è proprio il Comune di Milano che, nonostante questo, si ritrova con un gestore in ‘rosso’ e un patrimonio gestito in modo pessimo”.

Lo dichiara l’assessore alla Casa e Demanio Daniela Benelli a commento delle dichiarazioni del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni sul deficit di Aler Milano.

“Le accuse di Maroni su una presunta inattività del Comune sono inaccettabili – aggiunge l’assessore Benelli –. Paghiamo 11 milioni di euro all’anno per la gestione delle nostre case popolari e il risultato è sotto gli occhi di tutti. A causa del ‘buco’ di bilancio, Aler Milano ha anche bloccato le ristrutturazioni e il Comune sta studiando il modo per finanziare un grosso intervento di riqualificazione proprio in un quartiere Aler altamente degradato, il Lorenteggio. Sarebbe la prima volta che succede e siamo pronti a farlo”.

“Regione Lombardia – conclude l’assessore Benelli – non creda di poter mascherare le inefficienze di Aler scaricando le responsabilità sul Comune di Milano. Il problema vero è che la recente riforma della governance non ha dato nessuna risposta ai problemi e agli inquilini mancano ancora i servizi e le manutenzioni. Stando così le cose, in attesa dell’esito della due diligence, il Comune sta già attentamente riflettendo a proposito della convenzione con Aler. Convenzione che la Regione ci ha chiesto di prorogare ma che non è affatto una scelta obbligata”.

Tags:
regione comune






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.