A- A+
Milano

Tragedia ad Abbadia Lariana, in provincia di Lecco. Una donna di origine straniera, sposata con un italiano e residente in località Novegolo, avrebbe ucciso a coltellate il figlioletto di tre anni, tentando poi di uccidere anche l'altro figlio più piccolo, che sarebbe stato però salvato dall'intervento del padre.

Erano le tre di notte, quando i vicini hanno sentito delle urla e affacciandosi alle finestre hanno poi visto il padre del piccolo, un idraulico della zona, disperato con il bimbo in braccio. A quel punto è scattato l'allarme. I carabinieri del comando provinciale di Lecco hanno preso in consegna la madre della piccola vittima e stanno cercando di ricostruire i fatti.

La donna, una 25enne originaria della Costa D'Avorio, vive da anni in zona, dove ha sposato un uomo del luogo. Oltre al bimbo morto la coppia aveva recentemente avuto una bimba. Secondo le prime ricostruzioni, la donna sarebbe stata colta da un raptus di follia nel cuore della notte. Ad avvertire i carabinieri sono stati i vicini di casa, richiamati dalle urla di aiuto del padre. Secondo il racconto dei vicini, nel cuore della notte dalla casa dei due coniugi si sono udite d'improvviso le urla del padre che e' corso con in braccio il piccolo Nicolo' in cortile a chiedere disperatamente aiuto.

Una vicina racconta di averlo trovato in ginocchio con il piccino fra le braccia. Pochi minuti dopo e' arrivata un'ambulanza con la quale il bambino e' stato trasferito d'urgenza all'ospedale Manzoni di Lecco. Sempre i vicini descrivono Alisha come una ragazza assolutamente in gamba, molto educata, gentile, tranquillissima. Mai un litigio nei quattro anni in cui Stefano, idraulico di professione, era arrivato in quella casa con la sua seconda moglie. Una tragedia che ha sconvolto il paesino che si affaccia sulla sponda lecchese del Lago di Como e che confina con Lecco. Il sindaco Cristina Bartesaghi preferisce non rilasciare dichiarazioni. La casa di via Giordanoni e' ora sotto sequestro mentre la piccola Sara e' stata affidata ad una zia.

Tags:
lecco madre







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.