A- A+
Milano
enrico letta 2

di Fabio Massa

Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it la nomina di Enrico Letta potrebbe essere vista con grande favore dalle parti di Palazzo Marino. Letta infatti, a Milano, è un habituè. Grande profilo economico, non ha mai mancato a una Festa Democratica, si è sempre intrattenuto con i militanti. E - soprattutto - nell'Expo ci crede davvero tanto. Le Esposizioni Universali, per Letta, sono davvero l'evento anticiclico che ci si aspettava fosse prima del grigiore della gestione degli ultimi anni. Il premier ha sempre avuto ben chiaro che ci debba essere un coinvolgimento pieno del governo perché l'Expo è una vetrina per tutta Italia, non solo per una città. Insomma, a Milano Enrico Letta piace per la sua attenzione alla capitale morale. Tra l'altro, mentre Letta riceve l'incarico da Napolitano, il consiglio dei ministri nominerà commissario straordinario di Expo Giuseppe Sala. L'attuale ad di Expo Spa così, da una parte accetta una sfida molto difficile, dall'altra si pone in rampa di lancio rispetto a prestigiosissimi ruoli futuri (leggasi candidatura a sindaco per il centrosinistra alla fine del mandato di Pisapia). Ma c'è di più. Perché secondo alcuni Enrico Letta potrebbe rivolgersi a uno dei suoi primi sostenitori sotto la Madonnina, quel Davide Corritore da sempre vicino all'attuale premier, che siede sulla poltrona di city manager. Lui potrebbe andare in un ruolo governativo per il suo profilo tecnico ed economico, più che politico. Un profilo che si addice a un governo come quello che si sta per varare a Roma. La delega? Sarebbe proprio quello di fare da facilitatore, sul lato "romano" della partita milanese di Expo. Un'ipotesi che, tra l'altro, era già sul tavolo ai tempi dell'incarico a Bersani, poi non concretizzatosi, e che adesso, secondo alcuni, potrebbe riprendere quota.

@FabioAMassa

Tags:
letta corritore







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.