A- A+
Milano

In questa fase di profonda crisi economica e sociale che si ripercuote inevitabilmente anche sui modi e sugli obiettivi delle trasformazioni urbane che interessano Milano alle diverse scale, sentiamo l'esigenza di richiamare i fondamenti di quella “magnificenza civile” che hanno caratterizzato lo sviluppo della Milano moderna in epoca neoclassica e che, a nostro parere, dovrebbero ancora nutrire e supportare i processi di trasformazione della città. È tuttavia difficile rintracciare - tanto nell’apparato normativo in vigore, quanto nella pratica amministrativa corrente - strumenti o documenti di indirizzo che affrontino, direttamente e con chiarezza, la qualità urbana, soprattutto dal punto di vista della configurazione generale della città. Uno di questi è sicuramente il Manifesto della Commissione per il Paesaggio del febbraio 2010, che contiene importanti e condivisibili elementi di orientamento circa i valori di urbanità che i nuovi progetti per Milano dovrebbero custodire e promuovere. Altre timide affermazioni si trovano nel nuovo Piano di Governo del Territorio, attraverso le Norme Morfologiche. Pur considerando tali documenti un significativo segnale, riteniamo che i mutamenti degli ultimi anni impongano una rinnovata e ampia riflessione sul tema dell’architettura e della città: sulla qualità del paesaggio urbano nelle sue possibili declinazioni, sulle strategie insediative, sul rapporto tra i diversi tessuti e sui linguaggi dell’architettura. Per questo appare urgente la condivisone della conoscenza delle molteplici trasformazioni di questi anni che hanno riguardato Milano e la sua area metropolitana, necessaria a orientare le analisi e soprattutto le scelte volte al futuro, attraverso la costituzione di un Osservatorio Urbano istituzionale e partecipato. D’altra parte, il bilancio delle esperienze progettuali degli ultimi anni nel riuso delle grandi aree dismesse è nella generalità dei casi negativo ed essendosi risolte in occasioni mancate, hanno causato una alienazione del sistema territoriale rispetto alle aspirazioni di rinnovamento della città stessa. Ciò anche a causa di una normativa indeterminata soggetta a troppe possibili interpretazioni e di una impasse burocratico-amministrativa dell’urbanistica. E’ invece nei piccoli interventi, alcuni dei quali sono stati presentati nei tre incontri che si sono tenuti tra ottobre e marzo nello studio Battisti, che si è talvolta ritrovata una maggiore qualità urbana nella cucitura tra spazi pubblici e privati e nell’architettura.

Alcuni consistenti cambiamenti, che potrebbero essere assunti come opportunità oppure essere causa di disastrose derive, si presentano oggi all’orizzonte della nostra città: la recente approvazione del PGT e le trasformazioni che ne potranno conseguire, sia per gli Ambiti di Trasformazione Urbana che per i tessuti più consolidati, l’imminente varo del nuovo Regolamento Edilizio; l’istituenda “Città metropolitana” e le ricadute che si avranno nei suoi territori per l’Expo 2015; i bandi comunali di valorizzazione degli immobili e la faticosa rinascita dei concorsi di progettazione; la programmazione della infrastrutturazione del territorio urbano, scali, circle line ferroviaria, e sistema dei Navigli compresi. In certo modo, la stessa pesante crisi che investe il nostro Paese, e il sistema immobiliare e delle costruzioni in particolare, dovrebbe essere assunta come un’occasione di ripensamento per riaffermare indispensabili elementi di civiltà e, primo tra tutti, il valore delle competenze in ogni ambito. Si dovrebbe, in altri termini, inaugurare una nuova stagione di responsabilità collettiva circa le modificazioni dell’ambiente fisico, anche nel quadro di una riformulazione del rapporto tra sviluppo e crescita, che pare non più perseguibile nel modello fin qui praticato. D’altro canto, a fronte della recente e cospicua trasformazione diffusa della città, emergono elementi critici e questioni che richiederebbero un’efficace strategia condivisa da tutti gli attori in campo – Amministrazione, operatori, committenti, professionisti, università, terzo settore e cittadini – per l’affermazione di un’idea di città più vivibile, equa, sostenibile e bella. Si registra, in particolare, la necessità di costruire scenari di medio e lungo periodo, di un più sistematico ricorso alla pratica del disegno urbano, di una riflessione sulle potenzialità connotative del linguaggio dell’architettura, di una più attenta conoscenza e considerazione del sistema delle relazioni spaziali, funzionali e sociali, di sperimentare nuove pratiche di “alta manutenzione” della città e valorizzazione dell’esistente, di una cultura più estesa e pervasiva della cura dei luoghi e di praticare processi progettuali più condivisi e partecipati. Alcune questioni si impongono con urgenza: si può immaginare una scala di progetto intermedia che definisca gli obiettivi comuni e i contenuti collettivi che le trasformazioni devono portare e che possa essere arricchita nel tempo dai singoli progetti architettonici? Quali sono le condizioni che devono definire questa scala di progetto e quali le indicazioni morfologiche irrinunciabili? E ancora, in che modo ciascun edificio, pubblico o privato, deve contribuire a interpretare un’idea di città? Ci sembra necessario che alcuni elementi vengano definiti con chiarezza; tra questi: i criteri morfologici generali; i tracciati e le relazioni con i confini delle aree; le relazioni con il sottosuolo e le strutture in elevazione, la forma e il carattere delle strade e degli spazi pubblici e soprattutto la disposizione degli edifici in rapporto ad essi e al sistema della acque; i servizi pubblici e di trasporto. Un altro elemento fondamentale per il buon esito dei progetti di grande scala è il coordinamento. Ad esempio, la progettazione delle infrastrutture così come delle zone industriali e commerciali al confine tra i comuni comporta la relazione tra molti soggetti pubblici e privati ma ciascuno di questi soggetti difficilmente riesce a interpretare l’interesse più generale di un progetto. È quindi indispensabile promuovere un’attività di coordinamento costante e attento che sappia dialogare con tutte le parti coinvolte e mantenere allo stesso tempo chiaro l’obiettivo generale di creare un paesaggio urbano di qualità a tutte le scale e a tutti gli effetti, lontano dalla logica del consumo di territorio. Per tutte le ragioni fin qui espresse, ci proponiamo di aggregare il consenso su alcuni principi e valori fondativi e di avviare l’apertura di un dibattito pubblico, inclusivo e intenso, per la messa a punto di un’agenda urbana e di un manifesto per la qualità dell’architettura a Milano.

Emilio Battisti,
Maria Vittoria Capitanucci,
Leonardo Cavalli,
Francesco De Agostini,
Giacomo De Amicis,
Michele De Lucchi
Roberto Giussani,
Giovanna Latis,
Paolo Mazzoleni,
Laura Montedoro,
Giacomo Polin,
Marco Prusicki

Tags:
lettera aperta qualità urbana







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.