A- A+
Milano

Antagonisti in manette per l'aggressione a uno studente all'interno dell'Università Statale. Insieme ad un'altra ventina di giovani, avrebbero massacrato di botte, a più riprese, uno studente lo scorso 14 febbraio all'Università Statale di Milano, dopo una discussione per motivi politici, fratturandogli il cranio e procurandogli danni "estetici e funzionali" irrimediabili, tali da richiedere un importante intervento chirurgico ricostruttivo. Per questo, i carabinieri di Milano, hanno arrestato M.L., 30 anni, e D.S., 26 anni, entrambi studenti universitari vicini all'Assemblea di Scienze politiche, di area antagonista, che occupa l'ex Cuem della Statale. I due dovranno rispondere di lesioni personali gravissime e violenza privata aggravata, commessi in concorso con altri giovani che sono in corso di identificazione.

E' imputato nel processo a Torino a carico di alcuni esponenti del movimento 'No Tav' L.M., uno dei due studenti dell'Universita' Statale di Milano arrestati stamani dai carabinieri di Milano per un pestaggio ai danni di un giovane. Stando a quanto si legge nel capo d'imputazione, L.M. e S.D.R., entrambi iscritti alla facolta' di Scienze Politiche ed ex Cuem, avrebbero "colpito ripetutamente con calci e pugni" la vittima, F.C., procurandogli una "deformazione permanente del viso" che ha richiesto un "importante intervento chirurgico riparatorio" e una prognosi di "almeno 68 giorni".

Tags:
botte statale







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.