A- A+
Milano

Un solo colpevole per il disastro della Lombarda Petroli del febbraio del 2010. Si tratta del 41enne G.C., monzese, custode dell’ex raffineria di Villasanta condannato in contumacia (non si è mai presentato al processo) a 5 anni per disastro doloso, compiuto in concorso con ignoti. Assolti dalla medesima accusa con formula piena, invece, i due petrolieri brianzoli, i cugini Giuseppe e Rinaldo Tagliabue, proprietari della Lombarda, e l’ex direttore di stabilimento Vincenzo Castagnoli.

Lo hanno stabilito mercoledì pomeriggio i giudici del tribunale di Monza, al termine del processo di primo grado. Un disastro dunque senza mandanti nè movente. Come racconta sul Cittadino di Monza Brianza Federico Berni. Giuseppe Tagliabue è stato condannato ad un anno per i soli reati fiscali con pena sospesa. Sorridenti gli imputati, che hanno lasciato il palazzo preferendo “mantenere il consueto riserbo”.Resta aperto un interrogativo sulla possibilità che il custode condannato possa pagare i risarcimenti milionari stabiliti a favore di 10 parti civili, fra cui il Ministero dell’Ambiente, le regioni Lombardia ed Emilia Romagna, i comuni di Monza e Villasanta, la società Brianzacque.

I fatti: la notte fra il 22 e il 23 febbraio 2010, una marea nera invase il piazzale dell’ex raffineria brianzola (negli anni trasformata in deposito di carburanti), e si insinuò negli scarichi fognari fino al depuratore di San Rocco, per poi scivolare nel Lambro e confluire nel Po. Le indagini del Noe dei carabinieri, si indirizzarono verso la proprietà, e l’esigenza coprire degli ammanchi di carburante, la cui fuoriuscita non era stata registrata all’agenzia delle Dogane, in vista di una verifica fiscale prevista di lì a breve. Un’accusa che la procura sostiene tuttavia senza prove lampanti avvalendosi delle testimonianze di alcuni lavoratori e dall’aver già ottenuto in udienza preliminare due condanne con patteggiamento (un anno e 6, e un anno e 8 mesi, solo per reati contabili) a carico di due ex dipendenti. Ieri la sentenza.

Scanagatti (Monza), stupore per sentenza, pagano i cittadini - "La sentenza desta grande stupore. Sappiamo che un custode è stato giudicato colpevole di un disastro ambientale di dimensioni enormi ma non sappiamo perché. Aspettiamo quindi di conoscere le motivazioni e comunque auspichiamo un ricorso in appello. Il fatto poi che il risarcimento milionario non sarà di fatto comunque esigibile dal soggetto condannato ci lascia delusi e amareggiati, perché ancora una volta i danni sono pagati da tutti i cittadini. Anche questo caso dimostra come controlli su attività così pericolose dal punto di vista ambientale non possano essere così tenui e comunque non possono essere lasciati sulle sole spalle dei comuni".  Lo dichiara il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, commentando la sentenza di primo grado che ha condannato Giorgio Crespi e assolto i titolari della Lombarda Petroli, azienda da cui nel 2010 fuoriuscirono tonnellate di idrocarburi che inquinarono il Lambro e il Po. Il comune di Monza si è costituito parte civile nel procedimento.

Tags:
lombarda petroliscanagatti







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.