A- A+
Milano

E' finita ai domiciliari in attesa del processo. L'indagata è una maestra elementare di Milano sorpresa a spacciare cocaina nel retrobottega del suo negozio di artigianato: un'attività che la impegnava di sera, fuori dall'orario delle lezioni. La donna, una sessantenne, è stata bloccata in flagrante dalla polizia: armeggiava tra bilancini e buste di cocaina, di cui ha ammesso l'uso personale.

Secondo l'accusa, stava vendendo la droga a una coppia di conoscenti. Durante l'udienza per direttissima, la 60enne - che insegna in una primaria nella zona di via Padova - si è detta preoccupata di perdere il lavoro. Ma il tribunale non le ha concesso di tornare in libertà, e dunque al suo lavoro con i bambini, in attesa del processo.

Tags:
milano







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.