A- A+
Milano

Il maestro accusato di pedofilia torna in liberta' e i genitori degli scolari indicono una giornata di sciopero dalle lezioni. Si annuncia una mattinata di tensione, a Palosco, provincia di Bergamo, dove oggi l'insegnante della scuola elementare del paese torna libero grazie alla scadenza dei termini per la custodia cautelare. Il 61enne era stato arrestato (a un mese dalla pensione) il 18 aprile di un anno fa dai carabinieri che, dopo avere raccolto le segnalazioni di alcuni genitori, avevano piazzato delle telecamere e lo avevano cosi' sorpreso in flagrante.

La vittima era un bambino, con il quale l'insegnante da diversi mesi lasciava la classe durante le ore di lezione per appartarsi in un locale del seminterrato. In attesa del processo che iniziera' domani, a Palosco il clima e' molto teso. Gia' nei giorni successivi all'arresto Forza Nuova aveva affisso lo striscione "Pena di morte". Ieri qualcuno ha affisso davanti alla procura di Bergamo dei manifesti in stile "Wanted" con foto e nome del maestro e firmati da un gruppo che si definisce "Manipolo d'avanguardia Bergamo". Per oggi il Comitato genitori di Palosco ha invitato tutte le famiglie a un giorno di sciopero di protesta tenendo a casa i figli da scuola.

Tags:
maestro pedofilia







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.