A- A+
Milano

Domani alle ore 8 "l'Ufficiale giudiziario e la Forza Pubblica si presenteranno in via Paravia 75 per sfrattare la signora Lilia, malata di cancro, invalida al 75%, e suo figlio minorenne Pietro. La signora Lilia, a causa della malattia, non ha più potuto lavorare e senza un reddito non è riuscita a pagare l'affitto. La proprietà, titolare di numerosi alloggi tra cui diversi sfitti, ha negato il rinvio dello sfratto richiesto, pur conoscendo le condizioni della famiglia e sapendo che si è mossa tempestivamente per tentare di avere l'assegnazione di un alloggio popolare". E' quanto si legge in un comunicato del Sicet. "La signora Lilia, già inserita da tempo nella graduatoria generale di assegnazione di un alloggio Erp, a luglio ha presentato al Comune di Milano una richiesta di assegnazione di un alloggio in emergenza. A pochi giorni dall'esecuzione dello sfratto la domanda non è ancora stata definita dagli Uffici Comunali e non è ancora arrivata all'esame della Commissione Assegnazione Alloggi.

Questa vicenda non costituisce un'eccezione rispetto agli sfratti che ogni giorno vengono previsti ed eseguiti a Milano ed evidenzia una volta di più che, neppure in casi gravi come questo, il passaggio da casa a casa alla famiglia sfrattata è garantito. I dati degli sfratti a Milano sono drammatici - prosegue il sindacato inquilini -. Oltre 10.000 richieste di esecuzione con forza pubblica, la maggior parte dei quali per morosità incolpevole. Circa 200 famiglie, molte in strada dopo l'esecuzione di uno sfratto, in attesa di avere un'offerta concreta di un alloggio, avendo già un provvedimento di assegnazione. È urgente e non più rinviabile un intervento efficacie contro l'emergenza sfratti, in primo luogo attraverso la graduazione da parte della Prefettura delle concessioni della forza pubblica nelle esecuzioni (graduazione peraltro prevista da un recente provvedimento legislativo e non ancora applicata) e da un ampliamento da parte del Comune di Milano dell'offerta pubblica di alloggi, partendo dalle migliaia di alloggi pubblici sfitti. Il Sicet, anche questa volta, non lascerà soli Lilia e suo figlio, e sarà presente il giorno dello sfratto per fare in modo che non finiscano in strada, senza neppure una sistemazione alloggiativa alternativa, anche provvisoria, di cui nessuno fino ad oggi e nonostante ripetute richieste si è fatto carico, compreso il Comune di Milano".

Tags:
malata cancro







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.