A- A+
Milano
Malpensa salvata dalla ragionevolezza dei lavoratori

Ancora una volta, a mostrare ragionevolezza e intelligenza, sono i lavoratori e le loro organizzazioni. In Sea, da anni, non c’è giorno senza cattive notizie. Prima il salvataggio di Alitalia che ha fatto fuori Malpensa, poi la vicenda Sea Handling con la multa da 360 milioni appioppata dall’Europa, ora l’altalena su Etihad, che rischia di penalizzare nuovamente Malpensa ma, allo stesso tempo, apre una prospettiva per gli aeroporti lombardi. E sullo sfondo le migliaia di lavoratori che ogni giorno fanno volare il sistema Milano. Ieri, incontro tra sindacati e azienda per chiudere la partita Sea Handling e aprire la pratica Airport Handling. “Il nostro obiettivo è far funzionale la nuova società. Se si riuscirà a garantire il 90% dei contratti con le compagnie, il lavoro sarà salvo”, dice Giovanni Abimelech, segretario della Fit-Cisl. Parole chiare di chi si prende due responsabilità: tutelare i posti di lavoro e far marciare la nuova Airport Handling.

Tags:
malpensa lavoratori







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.