A- A+
Milano
Mantovani risponde picche a Maroni: "Sanità e Welfare restino divisi"

"Ci sono delle deleghe che possono essere riaccorpate con la Salute, come le tematiche socio-sanitarie, ma la parte che riguarda le politiche sociali e la famiglia non ha nulla a che vedere con Salute". A dirlo e' il vicepresidente e assessore lombardo alla Salute, Mario Mantovani (Forza Italia), in merito all'ipotesi di un accorpamento, all'interno della riforma socio-sanitaria, delle deleghe di Sanita' e Welfare in Regione Lombardia. Raggiunto telefonicamente, l'assessore ha spiegato: "Dovremmo forse orientarci a un assessorato della Salute e un altro dei Servizi sociali come e' in Veneto e in Emilia Romagna".

Nel pomeriggio, al Pirellone, si e' svolto anche un vertice di Forza Italia sui temi legati alla sanita' e al rilancio dell'agenda politica del partito in Regione. Erano presenti, oltre ai consiglieri e agli assessori regionali, anche la coordinatrice lombarda del partito Mariastella Gelmini e il consigliere politico di Silvio Berlusconi Giovanni Toti. Al termine della riunione, in una nota, Gelmini ha spiegato che nella riforma socio-sanitaria FI "sta immettendo tre valori irrinunciabili", che sono: "salvaguardia del principio costituzionale di tutela della salute intesa come tutela della dignita' della persona; garanzia della libera scelta di ciascun cittadino su dove farsi curare e dell'uguaglianza di accesso alle prestazioni sanitarie; valorizzazione del modello di eccellenza internazionale che la Lombardia rappresenta in Europa e nel mondo". Inoltre, Gelmini ha aggiunto: "L'innovazione introdotta da Forza Italia con l'assessore Mantovani della rotazione dei dirigenti sanitari e' una barriera anticorruzione rispondente all'esigenza di trasparenza che Forza Italia ha sempre sostenuto". La coordinatrice, quindi, ha sottolineato: "Il lavoro di Regione Lombardia e di Forza Italia non si ferma alla sanita'. Ci vuole un rilancio complessivo dell'azione regionale, soprattutto sui temi del lavoro, della ripresa economica, delle liberalizzazioni, della lotta alle tasse e alla burocrazia". Da oggi, giorno in cui "gli italiani versano al governo 55 miliardi di tasse", partono "una serie di consultazioni in ogni Provincia lombarda con tutte le categorie produttive, per ascoltare, per raccogliere le esigenze del mondo produttivo e trasferirle nei Consigli comunali e in giunta, tagliando i tempi della politica e arrivando dritto al cuore dei problemi".

Tags:
mantovani maroni






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.