A- A+
Milano
marcora3

 

di Fabio Massa

Enrico Marcora, ex consigliere regionale Udc, è il leader del Centro Popolare Lombardo, la formazione politica che per prima ha promosso il voto disgiunto tra Lombardia e Parlamento. Una scelta sulla quale hanno deciso di convergere poi personalità come Ilaria Borletti Buitoni e Pietro Ichino: "Noi abbiamo fatto una scelta politica coerente, creando una lista a supporto di Ambrosoli, il Centro Popolare Lombardo. Una coalizione da Vendola a Monti? In Lombardia c'è già, e raccoglierà la preferenza di una grossa parte dell'elettorato. L'Udc? Il fatto che Pezzotta, Serra, Fumagalli Carulli, Mazzotta ci hanno scelto vuol dire molto..."

Enrico Marcora, lei è stato il primo a proporre il voto disgiunto. Il primo montiano che sostiene Ambrosoli. Ci ha visto lungo?
Noi abbiamo fatto una scelta politica coerente, creando una lista a supporto di Ambrosoli, il Centro Popolare Lombardo e all'interno di questa lista abbiamo portato avanti i progetti che ci hanno impegnato nei quattro anni di vita politica che - a livello personale - ho fatto fino ad adesso.

La manifestazione di ieri in piazza Duomo è stata molto "di sinistra". C'è stata l'apertura alle coppie gay. A proposito del suo passato, lei è un ex Udc. Che cosa succede sui valori fondamentali?
I valori cattolici sono inequivocabilmente quelli. Assoluta apertura al dialogo, ma sui valori siamo intransigenti. Non credo di essere l'unico cattolico della coalizione. Anzi, nella coalizione ci sono tanti altri che vengono dal mondo cattolico: Ambrosoli in testa. Affronteremo i problemi ma poniamo come punto di riferimento i nostri valori.

Ci può essere una coalizione che va da Vendola a Monti?
A mio avviso c'è già, di fatto. Non mi pongo neanche il problema se può esserci o no. C'è, è una coalizione che a mio avviso è così ampia che può effettivamente coinvolgere molto più elettorato e siamo bene aperti a dialogare con tutti sui temi, ci tengo a sottolinearlo, di carattere regionale.

Che cosa ne pensa del tema del voto disgiunto?
Io credo che il tema del voto disgiunto sia molto semplice: noi siamo una lista che appoggia Ambrosoli, poi al livello nazionale c'è un altro voto. La vera disgiunzione sta nel votare Ambrosoli e Centro Popolare Lombardo alla Regione e altre forze politiche al Parlamento. Nel mio caso, io al Parlamento voterò Monti. Dico di più...

Prego.
Il voto al Centro Popolare Lombardo è importante perché è un voto che dà la possibilità di essere presenti nella coalizione di Ambrosoli. Questo è importante per le idee che portiamo avanti.

Pensa di riuscire a drenare dei voti dell'Udc?
Voglio ricordare Pezzotta, Serra, Fumagalli Carulli, Mazzotta. Hanno dato piena adesione al progetto dell'Udc, ma voteranno il Centro Popolare Lombardo. Questa è una scelta importante.

@FabioAMassa

Tags:
marcora affari ambrosoli monti







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.