A- A+
Milano
Mariani, l'editore di Radio Lombardia: "Mi candido a Seregno"

di Fabio Massa

Tiziano Mariani, imprenditore nel campo assicurativo ed editoriale (possiede Radio Lombardia, che sta sopravvivendo alla grande crisi del settore con la sua qualità), ha deciso di candidarsi sindaco nella città-gioiello della provincia di Monza e Brianza, quella Seregno nella quale sta per finire il lungo regno di Giacinto Mariani. Ad Affaritaliani.it rivela: "Mi candido sindaco perché sono indignato dagli scandali e dal malaffare che inquinano la politica. Per questo penso che ci si debba mettere a capo della città di Seregno con il piglio del capofamiglia, che sacrifica tutto per i propri figli, che sono i cittadini"... INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Tiziano Mariani, partiamo dal fondo. Lei ha già avuto un'esperienza politica.
Sì. Vent'anni fa. Finì nel periodo di Tangentopoli.

Lei fu coinvolto?
Se per coinvolto intende che ebbi qualunque tipo di responsabilità o condanna, la risposta è no. Però mi tirarono dentro l'inchiesta, questo sì. E sa come andò a finire?

Come?
Prosciolto nel merito con formula liberatoria. Proprio quella vicenda mi diede la possibilità, pur nel grande dolore che l'essere accusato ingiustamento comporta, di combattere una battaglia per il diritto di tutti. Io sono infatti l'oggetto della famosa sentenza 5525, un numero "mitico" per gli avvocati. Sono riuscito infatti a vincere una battaglia contro alcuni quotidiani che in Rete avevano ancora il mio coinvolgimento nella vicenda ma non l'assoluzione. Insomma, il mio caso ha fatto giurisprudenza. Dico di più: la battaglia per i diritti va avanti alla Corte Europea di Strasburgo per violazione del diritto all'equo processo. Io non mi fermo mai.

Sembra lo slogan della sua Radio.
E' una cosa nella quale credo molto.

Ma lei non si ferma mai per andare a destra o a sinistra? La sua proposta politica di quale estrazione è?
E' di estrazione civica. Guardi, io amo Seregno. Partiamo da questo presupposto. Proprio per questo, di fronte a una politica sempre più cattiva, piena di malaffare e scandali, non ho potuto far altro che indignarmi. Ma è possibile che in Italia ci sia solo Mafia Capitale e cose del genere? Allora ho detto basta: è il momento di reimpossessarci dell'amministrazione di Seregno
secondo i principi del buon padre di famiglia. Occorre una svolta prima ancora che sulle persone, sul modo di pensare la politica locale: deve tornare ad essere un servizio, non una occupazione lautamente remunerata

Riferimenti a qualcuno?
Purtroppo sempre di più la politica vive di persone che la fanno per esclusivo interesse personale e da gente impreparata. Questa cosa deve finire.

Delineiamo un programma per Seregno.
La nostra città è una "nobile decaduta". Per prima cosa vanno tutelate le ricchezze che ancora abbiamo e che qualcuno vorrebbe svendere con accordi affrettati che infatti nascono, come i gattini della favola, già ciechi rispetto al futuro dei nostri figli. AEB-Gelsia non può essere svenduta in fusioni azzardate e frettolose. Poi penso che si debba puntare fortemente sulla sicurezza, sulla tassazione locale a tutela del tessuto artigiano  e sulla valorizzazione della cultura. E sull'eliminazione impietosa della casta. Basta con questa gente che vuole solo un posto di lavoro ben remunerato. La politica si fa per passione.

Non ha risposto alla domanda sullo schieramento di destra o di sinistra.
Non ho risposto perché questa è una lista di cittadini. Noi per Seregno è una lista civica fatta da gente di buona volontà, onesta e desiderosa di contribuire all'amministrazione della cosa pubblica. Un marciapiede non è ne di sinistra ne di destra: quello che conta è che sia fatto bene.

@FabioAMassa

Tags:
marianiradiolombardia






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.