A- A+
Milano
maroni congresso

"Non so se rimane o se si ritira", ma la candidatura di Gabriele Albertini "ormai e' ininfluente". E' quanto ha sostenuto Roberto Maroni, candidato di Pdl e Lega alla presidenza della Regione Lombardia. La candidatura di Albertini, ha proseguito il segretario federale del Carroccio, durante una conferenza stampa a Milano, "non mi preoccupa". "Da domenica" con l'accordo tra Pdl e Lega, ha continuato, "gli scenari sono cambiati". Maroni ha poi ricordato la Ferrari promessagli da Albertini in caso di vittoria. "Spero non se ne dimentichi - ha detto - la mettero' subito a disposizione della Regione".

"Ci potra' essere qualche novita'". Cosi' Roberto Maroni ha risposto a chi gli chiedeva se nutre perplessita' sul nome del movimento La Russa-Meloni-Crosetto, Fratelli d'Italia-Centrodestra Nazionale, che dovrebbe correre nell'area di centrodestra, insieme a Pdl e Lega nelle consultazioni elettorali del 24 e 25 febbraio. "Domani c'e' un incontro a Roma", ha spiegato il segretario federale del Carroccio in una conferenza stampa a Milano. "Per noi preliminare e' la condivisione del nostro programma", ha proseguito Maroni. "Dipende da noi - ha continuato - la decisione di fare entrare altre forze politiche sia a livello nazionale che in Lombardia".

CONFRONTI TV - Non dispiacerebbe a Roberto Maroni un confronto tv con Umberto Ambrosoli, ma anche con gli altri candidati alle elezioni regionali. "Sono disponibile a qualsiasi confronto - ha infatti risposto il leader leghista, candidato alla Regione, ai giornalisti che gli chiedevano se parteciperebbe a un 'faccia a faccia' televisivo con il candidato del centrosinistra - finora nessuno me l'ha chiesto, ma sarei felice di farlo". Maroni, oggi al Circolo della Stampa per presentare un'iniziativa legata al programma, ha poi ribadito di confidare nella vittoria "non sara' un testa a testa", ha detto.

Tags:
maroni albertini ferrari






A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.