A- A+
Milano

A Pontida ci sono state "ventimila presenze da una parte e, dieci dall'altra: non sono due Leghe. Sono la lega e '10 pistole', alcuni di questi neanche della Lega. Chi si e' prestato a questo gioco subira' conseguenze come e' giusto che sia, perche' ci sono delle regole". Cosi' Roberto Maroni, intervenendo a 'Radio Padania', parla dei fischi a Flavio Tosi e delle contestazioni che ci sono state al raduno di ieri. "Queste piazzate non si possono fare - ha aggiunto il segretario federale della Lega Nord e - e non mi piacciono".

"Alcuni giornali continuano a sostenere l'insostenibile perche' non possono accettare che la Lega sia tornata al centro della scena politica, speravano che sparisse come l'Udc e l'IdV". Cosi' Roberto Maroni legge i resoconti di stampa sulle divisioni interne alla Lega e le contestazioni ad alcuni dirigenti avvenute ieri al raduno di Pontida. "Invece la Lega c'e' e siamo determinanti", ha proseguito il segretario federale del Carroccio, intervenendo a 'Radio Padania'.

Maroni ha sostenuto che la Lega e' unita, non vi sono divisioni, le divisioni riflettono soltanto le "speranze di qualche redazione, redattore o giornalista strampalato". "Ieri e' stata una grande giornata, una giornata importante - ha proseguito Maroni - ho visto voltare pagina, un anno dopo gli scandali. E' stata la Pontida di sempre".

Tags:
maroni pontida







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.