A- A+
Milano
"Mense a rischio infezione se ci lavorano gli immigrati"


La Lista Maroni in Regione Lombardia chiede a Bruxelles regole più severe contro gli immigrati che lavorano nei centri cucina che preparano i pasti per le mense. Sospettati di essere ricettacoli e veicoli di infezioni. L’emendamento della consigliera regionale maroniana Maria Teresa Baldini, in discussione in commissione regionale Sanità fra i suggerimenti relativi al prossimo programma di lavoro della Commissione europea, non lascia adito a dubbi. Chiede espressamente di aggiungere dopo le parole «sicurezza alimentare» la seguente frase: «Con particolare attenzione alle problematiche infettive dovute anche all’impiego di personale immigrato nei processi di produzione, distribuzione e somministrazione di alimenti negli ambienti scolastici, sanitari e sociosanitari».

Le parole hanno suscitato la reazione sdegnata sia della maggioranza di centrodestra sia dell’opposizione di centrosinistra. «Il pregiudizio antistranieri contenuto nell’emendamento è insostenibile — insorge Sara Valmaggi (Pd) — Quel che è peggio è che con Maroni la paura del diverso sta diventando legge. Prima c’è stato il no al pediatra, poi la cancellazione dei contributi a chi non risiede in Lombardia. È in atto una deriva che va fermata». La consigliera Baldini, peraltro, non è nuova a questo tipo di sortite. Qualche settimana fa, a proposito della proposta di destinare ai rom la caserme chiuse di Milano, avanzata dalla giunta di Giuliano Pisapia, aveva commentato: "Il sindaco vuole dare ai rom le caserme in disuso? Poi rinchiudiamoli e vediamo quanti bambini sono affetti da tubercolosi".

Contro l’emendamento si schiera anche il ciellino Stefano Carugo (Nuovo centrodestra). «Ora basta», sbotta. Quindi rivolge un appello ironico alla esponente della Lista Maroni: «Se vuole che si riapra il lazzaretto perché teme che gli immigrati ci riportino la peste a Milano. ce lo faccia sapere. Non diffondiamo falsi allarmismi sugli immigrati». Severo anche il giudizio di Paola Macchi (Movimento Cinque Stelle): «I controlli sulla somministrazione degli alimenti devono essere accurati in qualsiasi caso. L’emendamento Baldini si squalifica da solo».

E a poche ore dal voto anche Il gruppo consiliare 'Maroni presidente' si dissocia definendo l'emendamento come una "espressione di una presa di posizione del tutto personale. Per noi i controlli nell'ambito della sicurezza alimentare devono essere effettuati indistintamente a tutto il personale coinvolto nei processi di produzione, distribuzione e somministrazione di alimenti negli ambienti scolastici e sanitari".

Tags:
maroni immigrati







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.