A- A+
Milano

Passaggio di consegne a Palazzo Lombardia dove il governatore uscente Roberto Formigoni ha lasciato la guida della Regione a Roberto Maroni, proclamato ufficialmente in mattinata dalla Corte d'Appello nuovo presidente della Lombardia. "Sono molto lieto e onorato di passare a lui una responsibilita' cosi' importante, come quella di guidare una Regione straordinaria come la Lombardia che sia lui che io amiamo intensamente", ha detto Formigoni consegnando a Maroni la campanella usata durante i lavori di giunta "simbolo - ha spiegato - della responsabilita' di governare la Regione". Soddisfazione da parte di Maroni: "E con grande emozione che assumo una responsabilita' cosi' importante", ha affermato.

Il presidente della Regione Roberto Maroni chiedera' al Consiglio Regionale di riunirsi per la prima seduta prima di Pasqua, il 28 marzo. Lo ha spiegato lo stesso Maroni durante la cerimonia di insediamento a Palazzo Lombardia. "Chiedero' al presidente uscente del Consiglio Fabrizio Cecchetti che l'Aula sia convocata il 28 marzo, prima di Pasqua", ha detto.

La nuova giunta regionale sara' insediata domani e sara' composta da 14 assessori, 7 uomini e 7 donne. Lo ha annunciato il neopresidente della Regione Roberto Maroni durante la cerimonia di insediamento a Palazzo Lombardia. "Insediero' domani la giunta - ha affermato - e come detto in campagna elettorale sara' composta da 14 assessori, 7 donne e 7 uomini". Maroni ha poi sottolineato che il nuovo governo regionale e' comunque gia' al lavoro su temi "prioritari" come quello del lavoro.

"Voglio continuare l'esperienza di buon governo di chi mi ha preceduto, continuare a sviluppare le eccellenze, ma anche innovare per fare meglio di chi mi ha preceduto". Lo ha detto il nuovo presidente della Regione Roberto Maroni durante il passaggio di consegne con il governatore uscente Roberto Formigoni, a Palazzo Lombardia. Maroni ha poi spiegato che "fronteggiare la crisi" sara' una delle "priorita' della Regione" e ha auspicato che "a Roma nasca presto un governo perche' quello attuale non ha pieni poteri al 100 per cento e noi - ha detto - abbiamo bisogno di un interlocutore". Su questo ha poi chiesto al "presidente Formigoni" di "darsi da fare" in Parlamento. "Presidente, continuo a chiamarti cosi' anche se sei senatore", ha sottolinato. Tra i due, alla fine della cerimonia, anche un abbraccio.

Sara' Andrea Gibelli, leghista e vice di Formigoni nella scorsa legislatura il nuovo segretario generale della Regione, al posto di Nicola Sanese. Lo ha ufficializzato Roberto Maroni durante la cerimonia di insediamento a Palazzo Lombardia. "Il nuovo segretario sara' Gibelli - ha detto - ma sono certo che Sanese continuera' a darci sostegno e collaborazione con la sua saggezza". Maroni ha poi ringraziato l'ex segretario generale e anche l'ex governatore Roberto Formigoni "per quello che hanno fatto", unendosi all'applauso di collaboratori e dipendenti regionali "un applauso dovuto al quale mi associo volentieri", ha affermato.

Tags:
maroni formigoni gibelli







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.