A- A+
Milano
carlo masseroli

"La politica non è un mestiere che uno deve fare tutta la vita da quando ci entra a quando va in pensione. Qualcuno di noi ha deciso così, io ho deciso diversamente". Così il capogruppo del Pdl a palazzo Marino Carlo Masseroli ha annunciato la sua scelta di lasciare il consiglio comunale e l'attività politica. All'annuncio, in sala Brigida a palazzo Marino, a salutare Masseroli il sindaco Giuliano Pisapia, l'assessore all'Urbanistica Lucia De Cesaris, il presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo e consiglieri di maggioranza e opposizione. "Si può partecipare al bene comune - ha detto Masseroli - anche con un ruolo non pubblico. Oggi credo di essere più utile al bene comune con l'attività professionale privata".

Con oggi - ha spiegato Masseroli - interrompo un'attività che svolgo in Comune da 12 anni, e in cui ho investito tempo ed energia. Una esperienza eccezionale che mi piacerebbe altri facessero" e per la quale "provo solo grande gratitudine per chi mi ha dato fiducia e per le persone con cui ho lavorato in questi anni" ma "ci sono delle cose che vanno fatte e dall'opposizione non riesco a farle. Ho voglia di provare a farle in modo diverso" verificando se "le regole che ho elaborato da assessore possono rendere migliore la città". Esclusa la possibilità di "limitare" semplicemente l'impegno politico perché "non è più il tempo dei pasticci che generano fraintendimenti e a me le mezze cose non piacciono, dunque ho preso una decisione più netta". Un "addio nel senso etimologico del termine", alla politica quello di Masseroli, ovvero "a Dio decidere le circostanze" per un eventuale ritorno all'impegno politico: "io sono disponibile" anche a collaborare con l'amministrazione e il sindaco, ha detto, anche per "mettere mano alla forma in cui il consiglio comunale esiste" perché "oggi a 45 anni vedo che il ruolo dell'opposizione in consiglio comunale è solo dilazionare i tempi delle decisioni di chi governa, e non credo che questo sia fare il bene comune". Su questo "cambiare si può e bisognerebbe provare a farlo per rendere più efficace l'azione di chi dedica impegno ed energia" in aula. Rispetto alle ragioni della scelta e all'eventuale peso delle elezioni regionali e dell'appoggio inizialmente manifestato per la candidatura di Albertini, Masseroli si è detto "contento della vittoria di Maroni, per cui ho fatto campagna elettorale e che credo possa fare bene. Io avevo sperato con altri che queste elezioni potessero rappresentare un momento di ripensamento del centrodestra e quando questo, che avevo ipotizzato con Albertini, non si è manifestato come possibile, mi sono fermato". Quanto al peso delle vicende regionali che hanno coinvolto il movimento di Comunione e liberazione "Cl è un movimento della Chiesa, non una parte politica, e' dentro Cl che mi è venuta la passione per la politica e tutto quello che ho sperimentato in Cl per me è un'opportunità per tutti, e mi dispiace che la lettura che si dà è diversa". A Masseroli il saluto e il riconoscimento del sindaco, di Rizzo e del capogruppo del Pd Carmela Rozza: "Sono contento per l'esito della mia attività politica - ha commentato Masseroli - e sono sereno e grato per tutto quello ho potuto fare in questi anni" non chiudendo alla possibilità di un ritorno perché "uno che ha fatto politica se la porta addosso per sempre".

PISAPIA - "Adesso annuncio il nuovo assessore....". Con questa battuta il sindaco Giuliano Pisapia è intervenuto all' "addio" all'attività politica del capogruppo del Pdl a palazzo Marino Carlo Masseroli, oggi in Comune. "Si dice che se ne vanno i migliori", ha commentato il sindaco, spiegando di avere appreso della scelta di Masseroli come "un fulmine a ciel sereno" ma di sapere che "è una scelta meditata e una scelta di vita coraggiosa", ha rimarcato. "Lo ringrazio del continuo confronto, anche duro, che stato importante per tutti e due" e "indipendentemente dalle colorazioni politiche, per i rapporti umani, perché una cosa è quello che succede in aula e un'altra quello che accade fuori", come gli "incontri costruttivi con l'opposizione nel mio ufficio". Così "sarai sempre il benvenuto", ha detto il sindaco, dicendosi "convinto che quando uno ha lavorato tanto tempo per la città, eletto in consiglio e in un ruolo importante, non smette di lavorare per la citta'".

DE CESARIS - “Carlo Masseroli è stato un interlocutore dell’opposizione duro ma leale. Il confronto con Carlo è sempre stato aspro ma segnato da correttezza e rispetto reciproco, per nulla scontati in politica. Auguro a Masseroli di portare avanti i suoi progetti professionali e politici nel modo migliore”. Lo ha dichiarato la vicesindaco e assessore all’Urbanistica Ada Lucia De Cesaris, commentando le dimissioni da consigliere comunale di Carlo Masseroli, capogruppo del PdL.

Tags:
masseroli politica






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.