A- A+
Milano
Milano terreno fertile per le imprese sociali. E' la prima città in Italia

“Milano è la città dove, negli ultimi anni, è nato il più alto numero di start up innovative e imprese sociali, secondo la definizione del Ministero dello Sviluppo economico. Il Comune si è messo al servizio di questo processo promuovendo Fabriq, il primo incubatore d'impresa dedicato esclusivamente alle imprese a vocazione sociale, il cui bando è aperto fino al 30 marzo. Un settore, quello delle imprese sociali, che a livello nazionale in 10 anni ha visto raddoppiare i suoi numeri passando dalle 8.500 imprese del 2004 alle attuali 17.600, con un numero di addetti che supera le 400mila persone impiegate“. A renderlo noto l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università Cristina Tajani, intervenendo questa mattina a “Innovare per ripartire”: la giornata incontro all'auditorium Robert Bosch di via Marco Colonna 35 per presentare agli operatori italiani la nascita di Ashoka Italia, la più grande rete globale di imprenditori sociali, con più di 3.000 imprenditori-innovatori in oltre 80 nazioni e uffici regionali nei cinque continenti.

"Le esperienze che abbiamo sostenuto e finanziato in questi quattro anni – ha proseguito l’assessore Tajani - hanno contribuito non solo a generare occupazione per i più giovani grazie alle 318 start up create, ma anche a restituire alla città 12.000 mq di spazi in disuso, oltre a creare animazione economica e sociale nei quartieri e a produrre comunità attraverso le piattaforme di economia collaborativa”. Penso – ha concluso Tajani - a quanto realizzato a Quarto Oggiaro dove, grazie a Fabriq, il primo incubatore sociale nato dalla collaborazione tra amministrazione e operatori privati, siamo riusciti a coniugare impresa e sviluppo non solo puntando sulla tecnologia, ma anche sull’interazione tra le persone e le comunità locali. Comunità che diventano destinatarie e produttrici di servizi socialmente innovativi e sostenibili basati su un business model che valorizza le sinergie e le reciprocità”.

A confrontarsi questa mattina sul ruolo delle imprese sociali nel panorama economico italiano oltre all’assessore Cristina Tajani in rappresentanza dell’Amministrazione sono stati: Alessandro Valera Launch Director di Ashoka Italia, Luciano Balbo di Oltre Venture, Atje Drexler di Robert Bosch Schiftung e Giovanna Melandri in rappresentanza di Human Foundation affiancata da Gerard Dambach di Bosch Italia.

Nel corso della giornata diversi i momenti di dibattito tra i rappresentanti delle fondazioni locali, organizzazioni sociali, investitori, funzionari pubblici e cittadini impegnati in discussioni e workshop per mobilitare uno sforzo collettivo per la creazione di un ecosistema di imprenditoria sociale in Italia.

Tags:
milanoimprese socialiaziende sociali







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.