A- A+
Milano

Approvazione a tarda notte in consiglio comunale della manovra sull'addizionale Irpef, che dopo l'approvazione delle modifiche volute dalla maggioranza pesa sulle casse del Comune per quasi 173 milioni di euro di entrate. Su 957.716 contribuenti milanesi e una base imponibile da 28 miliardi, con l'esenzione fissata a 21mila euro non dovranno pagare il tributo 513.203 cittadini, pari al 53,5 per cento del totale. Per gli altri, si moltiplica il peso dell'imposta rispetto a quanto versato sui redditi dello scorso anno: si passa infatti dall'applicazione di cinque aliquote progressive dallo 0,1 allo 0,7 a una aliquota unica dello 0,8.

Un lavoratore con un reddito imponibile di 22mila euro ad esempio, che sul 2012 non ha versato nulla perche' esente, dovra' pagare 176 euro. Si moltiplica per cinque invece il tributo per chi guadagna 34mila euro, che passa da una imposta di 52,5 euro a 272 euro, si quadruplica per chi guadagna ad esempio 54mila euro, che passa in un anno da un tributo di 112,5 euro a 432 euro, si triplica per un reddito da 75mila, passando da 215,5 a 600 euro. Diminuisce in progressione l'aumento per i redditi piu' alti: con un reddito da 150mila euro l'imposta sale da 740,5 euro a 1200, mentre per un reddito da 300mila euro si passa da 2175 a 2400 euro, con un aumento di 225 euro, pressoche' analogo a quello che riguarda il lavoratore con reddito da 34mila euro.

Tags:
irpef milano






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.