Milano, scuole a pezzi

Giovedì, 27 novembre 2008 - 14:16:00


Giansandro Barzaghi, assessore provinciale alla Scuola, è arrivato a Palazzo Isimbardi quando già gli studenti in protesta avevano imboccato la strada verso casa. "O tutti o nessuno - hanno detto - non abbiamo delegazioni". "Avrei parlato volentieri - ha spiegato Barzaghi davanti a Palazzo Isimbardi - pare che questi ragazzi abbiano bisogno di chiarimenti. Come provincia siamo al 92 per cento dell'adeguamento normativo nelle scuole, il restante 8 per cento contiamo di completarlo entro la fine del mandato perchá anche una sola scuola in condizioni precarie e' un problema. Il Comune e' soltanto al 52 per cento dell'adeguamento alla normativa, in piu' abbiamo istituito un'anagrafe edilizia su tutta la regione e la provincia. Manca il Comune, la cosa e' assai inquietante".

"Non si puo' pensare ad una fatalità come dice Berlusconi. Bisogna togliere l'amianto, fare strutture antisismiche e antincendio. I 300 milioni messi a disposizione dal Governo sono ridicoli, perché soltanto noi come Provincia ne metteremo 260 in quattro anni - ha aggiunto - inoltre in ognuno degli 11 ambiti territoriali scolastici c'è una squadra di tecnici reperibili 24 ore su 24 che tengono monitorata la situazione, oltre a una serie di dipendenti provinciali pronti all'intervento".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA