A- A+
Milano

Sono 14, tra scuole materne e nidi, le strutture scolastiche dove il Comune, in occasione di Maggio 13, ha deciso di aprire gli "Sportelli sociali" che aiuteranno educatori e famiglie nella gestione dei casi "difficili" o di situazioni familiari particolari.

"Abbiamo dato il via agli sportelli sociali per offrire un supporto concreto a tutti quegli educatori che ogni giorno si trovano ad affrontare momenti problematici della vita dei bambini e delle loro famiglie. Queste situazioni richiedono scelte adeguate e risposte concrete da parte della scuola a supporto delle famiglie e una forte attenzione per prevenire i fenomeni più gravi. Il Comune quindi farà la propria parte, offrendo strumenti per una maggiore consapevolezza a chi opera ogni giorno per l'educazione dei bambini", ha detto Francesco Cappelli, assessore all'Educazione e Istruzione.

"Mettere gli assistenti sociali del Comune a disposizione di educatori e famiglie di nidi e materne comunali dimostra che, pur in un periodo di risorse economiche che diminuiscono, si possono costruire progetti intelligenti e utili. Grazie agli Sportelli sociali il personale delle strutture dell'infanzia e i genitori dei bambini non si sentiranno soli nell'affrontare i casi più difficili, potendo contare su un servizio qualificato e professionale. Progetti del genere avvicinano le istituzioni ai propri dipendenti e ai cittadini". È quanto ha dichiarato Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali e Cultura della Salute.

In questa prima fase sperimentale, che durerà fino alla fine di giugno, gli educatori avranno a disposizione, per due giorni al mese, il supporto di un assistente sociale che sarà a disposizione per circa due ore per parlare con le educatrici. Il progetto, realizzato in collaborazione con i Servizi sociali, riguarda queste scuole materne comunali: Arena (via Arena 21), Rovetta (via Rovetta 1), Pallanza, (via Pallanza 28), Narni (via Narni 16), Monte Velino (via Monte Velino 10), Osimo, (via Osimo 4), Baroni (via Baroni 85), Brunacci (via Brunacci, 8), Parenzo, (via Parenzo 12), De Nicola (via De Nicola 18) Stratico, (via Stratico 3), Varesina (via Varesina 6), Catone (via Catone 30) e il nido Palmieri Comisso (via Palmieri 14).

Gli Sportelli sociali sono uno degli obiettivi lanciato lo scorso anno durante Maggio 12 e realizzati dal Comune. Nascono dalla forte richiesta degli educatori di poter avere  un supporto e un confronto con gli assistenti sociali nella gestione dei casi più delicati. Entro fine giugno verranno verificati i risultati di questa prima sperimentazione e sarà valutata la possibilità di ampliare l'offerta del servizi anche ad altre strutture aprendo lo sportello alle famiglie.

AL VIA "MAGGIO 13", RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI LANCIATI UN ANNO FA

Venerdì 10 e sabato 11 maggio al Piccolo Teatro Strehler si svolge "Maggio 13": un vero "laboratorio" sulla scuola e sul benessere dei bambini, con protagonisti esperti dell'educazione, giornalisti e rappresentanti delle istituzioni. Il Comune ha raggiunto gli obiettivi annunciati nella scorsa edizione, offrendo alla città più posti, più servizi e una nuova organizzazione territoriale dei servizi scolastici.

"Educare non è un compito riservato ai soli genitori - ha detto l'assessore all'Educazione e Istruzione Francesco Cappelli - ma una precisa responsabilità di tutti. Il benessere dei bambini e delle famiglie si ottiene andando incontro ai loro bisogni, promuovendo cura ed attenzione per chi ha le capacità per affrontare la complessità della vita di oggi, ma anche sostenendo quanti si trovano in difficoltà. Non è solo una sfida etica, ma un vero e proprio investimento, in primo luogo sulla formazione degli addetti, nella consapevolezza che Milano ha nei suoi bambini una grande ricchezza, il vero capitale su cui investire per progettare il proprio futuro".
 
Nella scorsa edizione il Comune aveva annunciato un impegno per l'ampliamento dell'offerta posti bambini a fronte delle liste nei servizi all'infanzia: un traguardo raggiunto grazie all'apertura di 22 nuove sezioni in scuole dell'infanzia comunali, che hanno aumentato così l'offerta di posti di circa 550 unità. Poi sono state aperte, in collaborazione con il Provveditorato, 5 sezioni in scuole dell'infanzia statali, aumentando ulteriormente l'offerta posti di circa 103 unità.

A fronte delle nuove aperture l'Amministrazione ha indetto un concorso pubblico per assumere, per l'inizio dell'anno scolastico 2012/2013, 150 educatrici a tempo indeterminato (50 su scuola dell'infanzia e 100 su nido d'infanzia) e 150 educatrici a progetto (tempo determinato 100 su scuola dell'infanzia e 50 su nido). E' stata data, tramite una selezione interna, la possibilità di passaggio di educatori dal nido d'infanzia alla scuola dell'infanzia. I passaggi effettuati ad inizio anno scolastico sono stati 100.

Tra gli obiettivi raggiunti anche la riorganizzazione e il riazzonamento dei servizi  educativi: con l'avvio dell'anno scolastico 2012-2013, infatti, tutti i servizi sono stati raggruppati nel rispetto della loro pertinenza territoriale. Si è passati quindi da 24 Poli Territoriali a 80 Unità Educative con una Posizione  Organizzativa responsabile di ogni Unità Educativa.

A partire dallo scorso maggio sono stati effettuati diversi incontri sul territorio con gruppi di lavoro formati da  consiglieri comunali,  responsabili ed educatori e rappresentanti dei Consigli di Scuola che hanno portato alla stesura della Carta dei Servizi e del Regolamento degli organi collegiali, quest'ultimo poi approvato sia in Giunta sia in Consiglio comunale e la cui prima applicazione è avvenuta con la nuova elezione del Consigli di Unità Educativa a fine 2012. Parallelamente, su tutto il territorio cittadino, sono stati avviati laboratori per adulti e bambini, corsi di formazione per il personale educativo e iniziative per sostenere i genitori nel loro difficile compito.         

Tra gli obiettivi indicati lo scorso anno il Comune ha realizzato in circa 100 scuole materne, primarie e medie, il progetto degli orti nelle scuole per una corretta educazione alimentare. Nell'anno scolastico 2012-13 tutti gli avvisi, le circolari e i regolamenti sono stati tradotti in inglese, francese, spagnolo, arabo e cinese. Si tratta delle lingue principali e maggiormente rappresentative delle comunità straniere più numerose presenti a Milano.

In una trentina di scuole materne è già partito il progetto "Spazio mamme", con l'allestimento di spazi per agevolare le mamme che allattano e per offrire anche dei luoghi che possano diventare un punto di incontro per le donne, dove confrontarsi e scambiarsi esperienze seguite da professionisti dell'educazione e mediatori culturali. Infine, verrà pubblicato a breve un nuovo bando per migliorare anche l'attuale organizzazione dei servizi di sostegno ai bambini con disabilità che frequentano nidi e materne. Le attività di supporto educativo verranno affidate a enti e cooperative sulla base di una maggiore vicinanza tra le famiglie e le strutture per diminuire i disagi dovuti ai lunghi spostamenti.

Il tema di "Maggio 13" è "La città si prende cura dei suoi bambini": i diritti dei bimbi e le condizioni che rendono possibile il loro riconoscimento e il loro effettivo esercizio saranno al centro del dibattito e di un confronto tra cittadini e operatori. Tre sono i principali filoni di ricerca sui quali si sono concentrati i momenti di riflessione: Milano e i suoi bambini, Milano città multiculturale, Bambini comunque.

Per ogni tema si sono effettuati una serie di incontri aperti alla partecipazione dei cittadini, delle famiglie, degli educatori e delle istituzioni per sviluppare il confronto di idee e la condivisione delle ipotesi di lavoro, l'avvio di iniziative concrete all'interno dei Servizi all'Infanzia, in linea con quanto emerso dal dibattito svolto nel progetto dello scorso anno. Nei Servizi, con progetti formativi e di ricerca azione, si sono avviate esperienze laboratoriali ed atelieristiche,   rivolte ai genitori, agli operatori, ai responsabili dei servizi educativi.

Il percorso che ha portato al "Maggio 13" è stato possibile ricorrendo a risorse economiche messe a disposizione nell'ambito del V Piano Infanzia, e grazie alla collaborazione della Fondazione del Piccolo Teatro di Milano, le Università Bicocca e Cattolica, il Centro per il Bambino Maltrattato, la Camera Minorile  numerose associazioni e cooperative. La regia del percorso, curata dall'assessorato all'Educazione ed Istruzione, è stata affiancata da esperti fra i quali sono compresi docenti universitari, avvocati, psichiatri, pediatri e pedagogisti.

Sul sito www.comune.milano.it il programma di Maggio 13   
 

Tags:
milanomaggio13







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.