A- A+
Milano
Rifiuti, risse e spaccio. #milanolatrina: foto choc. Di' la tua

#milanolatrina, lo speciale di Affaritaliani.it

Manda le tue foto e video a milanolatrina@affaritaliani.it

Di' la tua nel forum

*************************************

Fontanelle usate come water a cielo aperto. Il video choc nella Milano dell'Expo

Milano contro il nefasto sindaco Pisapia. Di Lidia Sella

Caro Pisapia, sindaco di questa Milano sporca e degradata. La lettera aperta

De Corato: "Il laboratorio Milano e il caso Leoncavallo". Videointervista esclusiva

 

"Lo spettacolo nelle vie intorno a Via Padova è costante da tempo: rifiuti ovunque ogni giorno, risse, spaccio, violenze. I cittadini italiani della zona sono esasperati e quotidianamente fanno report fotografici della situazione". Questa la denuncia di Silvia Sardone, membro della segreteria regionale di Forza Italia Lombardia e consigliere di zona 2.

"Le foto delle montagne di spazzatura ai lati delle strade (soprattutto in Via Arquà ma anche Via Clitumno, Via Chavez, Via Fanfulla da Lodi) sono impressionanti. Le vie sembrano ridotte a discariche con divani, elettrodomestici, materassi abbandonati ogni giorno sui marciapiedi e persino pozze di sangue a terra (foto). Ma purtroppo non è solo una grave questione di degrado perchè in queste vie, dove la presenza di immigrati è fortissima, ogni notte ci sono risse, accoltellamenti e le violenze sono una costante. Senza dimenticare lo spaccio a cielo aperto a tutte le ore, senza ritegno".

"Gli abitanti della zona chiedono da tempo maggiori controlli - prosegue Sardone - ma purtroppo il Comune non risponde, negando persino l'installazione delle telecamere da me avanzata, tramite interrogazione, mesi fa. La situazione è talmente difficile che i cittadini denunciano persino l'impossibilità di svendere le proprie case perchè appena i possibili acquirenti chiedono l'indirizzo preciso o vengono a vedere la zona rimangono 'sconvolti' dal panorama offerto queste vie".

"L'amministrazione rimane inerte di fronte alla situazione penosa dell'area di Via Padova. La giunta continua a propagandare integrazione, inclusione, partecipazione e coinvolgimento  la situazione è ben diversa. Solite scene, solite criminalità, solito quartiere dove la convivenza tra etnie non esiste, una zona abbandonata dove l’insicurezza è realtà di tutti i giorni. Mancano segni di presenza delle istituzioni che potrebbero almeno rincuorare i residenti che invece sono lasciati al loro orizzonte di degrado, tra continue segnalazioni alle forze dell'ordine e all'Amsa per i rifiuti. Soli a subire la criminalità dilagante in un quartiere che doveva essere il laboratorio di eccellenza della Milano multietnica e invece è nota a tutti come zona da evitare a tutte le ore".

"Il Comune dorme - conclude Sardone -  e come unica risposta propone di creare una Moschea nella vicina Via Esterle lasciando gli italiani della zona a sentirsi minoranza a Milano. E intanto tra spaccio e rifiuti questa periferia diventa l'immagine del fallimento del sindaco e purtroppo del degrado della Milano che si avvicina a Expo2015".

Tags:
milanosporciziadegrado







A2A
A2A
i blog di affari
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.