A- A+
Milano

 

 

morelli okmorelli

di Fabio Massa

 

Alessandro Morelli, capogruppo della Lega Nord a Palazzo Marino, non fa sconti a Giuliano Pisapia. Né sull'Irpef, né sulla sicurezza. "Vorrei proprio vedere con che faccia il sindaco andrà dai suoi elettori a dire che ha messo nuove tasse. E se aumenteranno i biglietti, voglio proprio vedere come lo giustificheranno". Poi, sulla tragedia di Famagosta, il leghista spara: "Non dico che è colpa dell'amministrazione quel che è successo. Ma l'avete visto il sottopasso? La verità è che molte donne hanno paura di passarci. Quindi dico sì a più sicurezza nelle metropolitane. Però con i vigili urbani, non con i vigilantes di Rota". L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Capogruppo Morelli, parliamo di Irpef.
Durante il consiglio che riguardava le nuove aliquote sono intervenuto solo una volta. Ed è strano, perché generalmente intervengo spesso. Sono intervenuto solo una volta perché c'era una sola cosa da dire al sindaco: ritieni di stare facendo bene il tuo lavoro? Ritieni di stare attuando il tuo programma imponendo questa tassa a persone che guadagnano tra i 1000 e i 1200 euro al mese.

incidente famagosta 9MALGRADO L'INCIDENTE DI FAMAGOSTA, LA GENTE CONTINUA AD ATTRAVERSARE SENZA USARE IL SOTTOPASSO

 

Secondo i dati, però, oltre il 50 per cento dei cittadini non la pagherà.
Io mi fido di questi dati, anche se non li ho verificati. So perfettamente però che la fascia colpita sarà quella dei redditi fino a 35mila euro. Non stiamo parlando di redditi alti. La domanda che pongo alla sinistra è questa: è coerente con la campagna di Pisapia far pagare persone che guadagnano tra i 1000 e i 1200 euro al mese? E' coerente picchiare su gente che magari paga oltre 700 euro di affitto per un monolocale? Vedevo che il sindaco era piuttosto teso mentre esprimevo queste cose. Dopo aver venduto la Sea, aver fatto affari con le Banche per i derivati, dopo non aver regolarizzato i precari ai quali era stato promesso, dopo aver lasciato correre il problema di Sea Handling, ora alzano le tasse. Complimenti. Bella coerenza.

Parliamo di sicurezza. Rota propone i metro-vigilantes per le stazioni di periferia.
Rota esprime posizioni da noi promosse e rilanciate da sempre. Facciamo un esempio.

Facciamolo.
La tragedia che è avvenuta in Famagosta è dovuta all'insicurezza. Ma non di sicurezza stradale. Io ci vivo e la conosco bene quella fermata. Soprattutto d'inverno, quando le giornate si accorciano, le donne non si fidano a fare il sottopasso. Se lo si prende dalla parte del parcheggio verso il parco, si esce addirittura nel nulla: non c'è un bar, un'edicola, niente. La gente ha paura di fare quel sottopasso. Io non so perché la signora abbia voluto rischiare. Ma so che molti attraversano la strada, prendendosi dei rischi, per la paura.

Torniamo alla proposta di Rota.
Rota dice questa cosa e fa bene perché lancia l'allarme. Ma non sono i vigilantes che risolvono il problema, ma i vigili. I vigilantes non sono agenti di pubblica sicurezza. Sicuramente, a livello generale, avere una divisa di qualunque colore è meglio, ma non è il vigilantes che risolve il problema. Il problema lo risolvono i vigili. Solo che se questi vengono utilizzati per fare lo psicologo di quartiere o le crocerossine, o meglio ancora vengono usati per fare gli scribacchini di multe come li usa questa giunta...

@FabioAMassa

Tags:
morelli lega







A2A
A2A
i blog di affari
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.