A- A+
Milano
Nuovi guai per Princiotta, ex braccio destro di Penati: arrestato a Novara

Dall'alba di questa mattina i carabinieri del Nucleo operativo ecologico (Noe) di Milano, supportati dal gruppo per la Tutela dell'ambiente di Treviso e dai Noe di Ancona e Pescara, e in collaborazione con i militari dei Comandi provinciali di Milano, Como, Varese, Novara, Ancona e Chieti, a conclusione di un'inchiesta coordinata dalla Procura di Milano e della Direzione distrettuale antimafia, stanno eseguendo quattro ordinanze di custodia cautelare a carico del segretario generale della provincia di Novara, Antonino Princiotta (peraltro imputato a Monza nel processo per il cosiddetto "Sistema Sesto"), e di tre imprenditori lombardi operanti nel settore del trattamento dei rifiuti, per le ipotesi di reato di corruzione e truffa aggravata ai danni dello stato. L'indagine e' nata da accertamenti svolti sulle attivita' dell'impianto di trattamento gestito dalla societa' Eco Fly, che e' risultato essere di fatto un centro di "ripulitura solo formale" dei rifiuti, in quanto carente delle necessarie certificazioni.

Tags:
princiotta







A2A
A2A
i blog di affari
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano
Mercato del vino: dai corsi sommelier alle vendite l'Italia primeggia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.