A- A+
Milano
Open Street, i più estrosi professionisti dell'Arte di Strada a Milano

Per scoprire i migliori talenti d'Europa dello spettacolo urbano bisogna girovagare tra le più belle piazze del cuore di Milano, dove dal 9 al 12 ottobre 2014, ci si può immergere in un viaggio nel meraviglioso, a caccia di storie avventurose, acrobazie al limite dell'immaginazione, teatro, musica, equilibrismi e giochi funambolici. È OPEN STREET, la Vetrina Internazionale dell'Arte di Strada (Open Street Performing Arts International Showcase), che trasforma l'area del Castello Sforzesco, Piazza Castello, Piazza del Cannone, Parco Sempione e l'Arena, in un concentrato di invasioni artistiche, regalando al pubblico più di 100 spettacoli, messi in scena da 20 compagnie Guests di 9 diverse nazionalità selezionate dai direttori dei più importanti festival europei e 30 formazioni Off di 14 Paesi differenti composte da validi professionisti dello spettacolo urbano. Un mix strabiliante di culture e di show dall'elevata qualità artistica che riempirà di magia il centro della città lombarda per 4 giorni dalle 17.00 alle 24.00.
Ogni giorno, oltre agli show in programma - da vivere in 7 postazioni differenti con un unico biglietto - c'è un appuntamento speciale, che permetterà al pubblico di conoscere da vicino importanti performers. Si tratta di Open Street Forum, che dalle 16.00 nel Cortile della Rocchetta vedrà gli spettatori alla scoperta delle vite straordinarie degli artisti della Banda Osiris (il 10 ottobre), di Parada (11 ottobre) e di Leo Bassi (12 ottobre).

BANDA OSIRIS
La Banda Osiris si è formata nel 1980, dando vita a spettacoli di strada in un mix di teatro, musica e comicità. Di qui la scalata del successo in teatro, televisione, fino a comporre musiche per trasmissioni tv e radiofoniche dello spessore di Caterpillar o Un giorno da pecora, oltre a colonne sonore per il cinema.

PARADA
Parada è invece un'associazione di volontariato nata nel 2006 dall'evoluzione della campagna "Un naso rosso contro l'indifferenza", a sostegno dei bimbi che vivono in strada a Bucarest. A partire dall'esperienza del clown franco-algerino Miloud Oukili - dalla cui storia nel 2008 è stato tratto un film - che ha insegnato ai bambini di Bucarest le arti circensi, trasformandoli in protagonisti della propria vita e denunciando una realtà invisibile al resto del mondo, sono state create tante attività e progetti, che ogni anno coinvolgono solo in Italia 80mila persone.

LEO BASSI
Da 6 generazioni di commedianti e circensi è venuto fuori l'estro eccezionale dello spagnolo Leo Bassi, che ha intrapreso la sua carriera artistica già dall'età di 7 anni, in Australia, e poi in giro davvero in tutto il globo. Si definisce un "buffone del XXI secolo", ma è conosciuto nel mondo per i suoi stravaganti spettacoli teatrali ed azioni provocatorie, dallo spirito irriverente e cosmopolita. La sua è un'arte libera da convenzioni ed offre al pubblico un'esperienza imprevista e senza dubbio fuori dal comune. È vincitore di numerosi premi, tanto da essere citato nell'enciclopedia Oxford delle arti sceniche. Negli ultimi anni ha toccato tematiche politiche e sociali di grande impatto mediatico.
Tutti gli incontri, le installazioni, mostre ed eventi sono gratuiti. Per gli spettacoli con posti a sedere (200 posti da prenotare, più altri liberi da prenotazione) è necessario il biglietto d'ingresso (giornaliero 10 euro a persona - tessera per 4 giorni 25 euro, che permette di partecipare agli oltre 100 show in programma. Ci sono inoltre sconti per bambini e under 30).
OPEN STREET - Vetrina Internazionale dell'Arte di Strada - è un'iniziativa promossa dal Comune di Milano e da Open Street aisbl nell'ambito di Milano Cuore d'Europa, realizzata in collaborazione con la FNAS, Federazione Nazionale Arte di Strada, Il Giorno e Disco Radio.

 

Tags:
open streetmilano







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.