A- A+
Milano

di Gabriele Ghezzi,
vice Presidente della Commissione Sicurezza del Comune di Milano e Consigliere Comunale PD

Mentre il PD rischia di sgretolarsi sotto i colpi dell'incapacità palesata dalla propria classe dirigente, si assiste alla classica rincorsa di chi intende rifarsi una propria verginità.
Comprensibile sotto l'aspetto umano, politicamente da irresponsabili.
 Taluni atteggiamenti o prese di posizione sono la dimostrazione lampante che il malessere nel PD è direttamente proporzionale alla negoziazione personale o di bottega che ogni dirigente ha sempre avuto nel partito.
 Pochi atti di generosità per il bene dell'organizzazione e molte ambizioni di chi già ricopriva incarichi di rilievo.
 Che sia necessario un radicale rinnovamento dei quadri lo pensano in tanti, ma solo quando non riguarda se stessi, troppo facile.
Mettiamoci tutti in discussione senza alcuna remora, poi facciamo pure determinate scelte, ma sulla base di progetti e programmi che non siano la bella copia di quelli precedenti e soprattutto non interpretati dagli stessi attori che hanno portato il PD in questa grave crisi.
 Richiamare ad un ulteriore senso di responsabilità chi nel recente passato non ha dimostrato nemmeno cosa sia la responsabilità mi sembra pleonastico e ridicolo, non sarò io a chiedere ciò.
Non solo il Segretario e la sua segreteria dovranno dimettersi ma dovrà farlo l’intera Direzione Provinciale.
È sicuramente un atto simbolico che ha però un suo profondo significato politico: nessuno deve sentirsi esente da colpe o da errori.
 Alzare le mani dichiarando la classica e furba frase "io c'ero, ma non ho visto nulla" provocherebbe ulteriori danni e minerebbe irrimediabilmente quella poca credibilità che è rimasta, se è rimasta.

Tags:
pd ghezzi






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.