A- A+
Milano
Pd, Mirabelli: "I civatiani? La coerenza è un loro problema"

di Fabio Massa

Franco Mirabelli, senatore e leader di Area Democratica in Lombardia, in una intervista ad Affaritaliani.it parla del rimpasto di segreteria imminente nel Pd di Bussolati: "Noi siamo in maggioranza dal primo giorno. E' giusto che si vada ad allargare il campo. La doppia politica locale e nazionale dei civatiani? E' un problema loro. Devono valutare le loro divaricazioni..." INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Senatore Mirabelli, a Milano infuria la polemica sulla ricandidatura di Pisapia con o senza Pd...
Polemica stravagante per almeno due ragioni. La prima è che Pisapia sta governando bene, sempre che non la si pensi diversamente. E lo sta facendo con il Pd. Un'ipotesi di Pisapia senza Pd la si può fondare solo sull'ideologia e non sull'interesse della città.

La seconda ragione?
Il Pd rappresenta alle ultime elezioni oltre il 40 per cento dei milanesi. Il Pd è radicato nella città. Sel può benissimo sostenere di non volersi alleare con il Pd, ma se questo è un sogno per alcuni, per altri è un incubo.

Cambiamo discorso: Bussolati sta per varare il rimpasto di segreteria. Che cosa dovrebbe fare?
Io credo che Bussolati stia facendo bene. Credo ora si tratti di verificare la possibilità di coinvolgere tute le forze del Pd che sono impegnate a sostenere l'esperienza del governo nazionale.

Allargare è però come aumentare il capitale: vuol dire diminuire il peso dei singoli azionisti...
Non credo che sia un ragionamento che stiamo facendo o che si debba fare. Il problema non è quanto pesano le diverse posizioni. Il problema è quali sono le scelte migliori che possiamo fare per dare più forza al Pd di Matteo Renzi.

Chiariamo un punto: Area Dem è in maggioranza a Milano?
Certo che siamo in maggioranza, anche se ho avuto modo di leggere interpretazioni stravaganti. Io personalmente, ma non solo io, faccio fatica oggi a vedere le differenze tra le diverse forze che hanno sostenuto Renzi alle primarie. Le storie vecchie sono state superate. Noi a Milano siamo in maggioranza dal primo giorno. Abbiamo votato convintamente Bussolati, ricopriamo ruoli importanti in segreteria. Ma non è questo il tema. Politicamente è bene che tutte le forze che hanno sostenuto Renzi lavorino insieme.

I civatiani, intanto, si trovano in una posizione strana. All'opposizione a livello nazionale, in maggioranza al livello locale.
Devo dire che è un problema dei civatiani. Non penso che sia un problema che dobbiamo affrontare noi. Io penso a un partito inclusivo. Dopodiché la compatibilità tra le questioni locali e quelle locali, la devono valutare loro.

Ultima domanda sulla Leopolda: è giusto farla?
Io credo che la Leopolda sia un'occasione come sono un'occasione i tanti incontri che si sono fatti e si faranno a livello nazionale e sui territori, di confronto. Al di là di chi le promuove, queste iniziative servono. La Leopolda ha una cifra particolare, non nasce come iniziativa del Pd, ma come una iniziativa aperta. Non capisco la polemica, francamente.

@FabioAMassa

Tags:
pd mirabelli







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.