A- A+
Milano
Pedofilia, ex fonico dei Modà tenta il suicidio: salvato dai carabinieri

Ha manomesso il braccialetto elettronico di sorveglianza che portava dal gennaio scorso, quando era stato messo ai domiciliari, poi ha guidato la sua Smart poco distante da casa, e li' ha provato a uccidersi con il gas di scarico dell'auto: Paolo Bovi, ex fonico e tastierista dei 'Moda'' accusato di pedofilia, ha tentato il suicidio attorno alle 4 del mattino di domenica. Il braccialetto, appena manomesso, ha inviato un segnale alla caserma dei carabinieri: i militari di Cassano d'Adda si sono precipitati nell'appartamento dell'uomo a Cernusco sul Naviglio, l'hanno trovato vuoto, e hanno rintracciato Bovi a qualche strada di distanza.

L'ex fonico, in evidente stato di alterazione a causa dell'alcol, stava cercando di uccidersi dalle parti dello studio di registrazione che in cui era nata la sua band. Bovi, 40 anni, tra i fondatori dei Moda', era stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale ai danni di diversi ragazzini tra i 13 e i 16 anni, tutti episodi maturati nel 2011 nell'ambiente dell'oratorio presto il quale l'uomo rivestiva la funzione di educatore. A gennaio il gip aveva accolto la richiesta di arresti domiciliari avanzata dalla difesa, ma dopo la manomissione del braccialetto e il tentato suicidio Bovi e' stato condotto a San Vittore.

Tags:
pedofilia






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.