A- A+
Milano

"Stimo anche, come persone, alcuni candidati, ma guardando poi le loro liste mi chiedo come convivano. Ambrosoli ha da Marcora a Sel. A destra, poi, Maroni ha addirittura 9 liste, dai federalisti a Storace, il piu' stalista del mondo". Lo ha affermato il candidato presidente della Regione di Fare per Fermare il declino, Carlo Maria Pinardi in diretta a Radio popolare. Pinardi ha ribadito l'idea di vendere il Pirellone, recuperando 130milioni: "si riduce debito e il consiglio regionale lo si fa in un tendone, piuttosto, o in piazza Citta' di Lombardi. Una soluzione si trova". "Lavoro, lavoro, lavoro" e' il programma di Fare: "abbasseremo lo stipendio dei consiglieri regionali, come quello degli insegnanti delle superiori, risparmiando 30 milioni in 5 anni da destinare a persone che vivono nel disagio sociale - ha spiegato - e ci candidiamo a fare gli assessori alla trasparenza". "Nessun accordo con nessuno" ha poi ribadito Pinardi: "faremo delle proposte, le abbiamo fatte ad Ambrosoli, e le faremo ad altri se qualora vinceranno".

Tags:
pinardi fid






A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.