A- A+
Milano
Pinocchio/ Il "mito" del consulente e l'esperta del Ministero "infedele"
Pinocchio

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C'era una volta il mito del "consulente". Il consulente, soprattutto dalla politica, viene chiamato perché è fuori dai giochi, perché non è condizionabile. Il consulente è l'equivalente del tecnico in politica. Ci si immagina che il politico di professione sia sporco e cattivo, e che il tecnico invece sia buono e imparziale. Peccato che non sia così. Perché il politico deve badare ai voti, e quindi deve fare operazioni che rendano conto a una platea vasta. Niente voti, niente elezione. Niente elezione, niente lavoro. Con tutte le storture che questo comporta. Il tecnico, invece, arriva alla politica perché la politica dichiara il proprio fallimento. E quindi non deve preoccuparsi dei voti e fa solo il suo interesse. Solo il suo interesse, senza conseguenze. Ora, il più grande tecnico è stato Mario Monti. L'ho odiato senza incertezze, quando era al governo, pur non essendo leghista, e me ne faccio vanto oggi. Oggi si scopre, ovviamente senza che il Monti ne abbia responsabilità legali, ma politiche forse sì, che una consulente entrata nella segreteria tecnica del Ministero all'Economia avrebbe venduto segreti di Stato a una società di consulenza chiamata Ernst&Young. Una consulente che però è sopravvissuta alla fine di Monti, che è stata confermata sotto Letta e pure sotto Renzi. E che si sarebbe presa, secondo l'accusa, 220mila euro per rivelare segreti. C'è una consolazione, a leggere certe notizie. Che i tecnici non rendono conto al popolo, che i consulenti non rendono conto alla politica. Ma che entrambi devono rendere conto ai giudici.

Tags:
ministero economiasusanna masimario montiernst&young






A2A
A2A
i blog di affari
Covid, emergenza continua: un nuovo efficace metodo impiegato dal governo
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, il referendum contro il green pass è una pessima strada da seguire
L'OPINIONE di Diego Fusaro
PROGETTI PER LE CITTA’ E PER LA TUTELA DELLA VISTA
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.