A- A+
Milano

La vendita fino al 5 per cento delle quote di A2a comportera' "ricavi significativi: mi piacerebbe che per il loro utilizzo e la loro destinazione venissero indicazioni precise dal consiglio comunale". Lo ha detto il sindaco Giuliano Pisapia in audizione nella seduta congiunta delle commissioni Bilancio e Partecipate a palazzo Marino sulla delibera su A2a approvata dalla giunta. "Si tratta di investimenti per la citta' - ha detto il sindaco - e sarebbe utile per noi e tranquillizzante per tutti se il consiglio comunale ci dicesse come usarli".

"La modifica della governance non vuole assolutamente significare una mancanza di fiducia verso gli attuali amministratori". Lo ha detto il sindaco Giuliano Pisapia in audizione nella seduta congiunta delle commissioni Partecipate, Bilancio e Affari istituzionali a palazzo Marino convocata sulla delibera su A2a approvata dalla giunta. "Per quanto mi riguarda confermo la piena fiducia - ha detto il sindaco - nell'attuale amministrazione, che e' riuscita a limitare l'indebitamento e a fare crescere in modo rilevante il valore delle azioni", considerando che le modifiche alla governance indicate, con l'abbandono del duale, "sono state decisioni condivise dall'attuale presidente e dal consiglio di gestione di A2a".

Tags:
pisapia a2a







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.