A- A+
Milano
Pisapia: "I soldi di A2A? Utilizzarli per fare scuole in legno..."

Giusto un auspicio, certo, perche' Giuliano Pisapia continua a ripetere che spetta al Consiglio comunale di Milano stabilire come investire quanto sara' ricavato dalla cessione del pacchetto azionario dei A2A (2,5% per ciascuno dei Comuni di Brescia e Milano), ma il sindaco sostiene con forza l'idea che possano essere destinati all'edilizia scolastica. Nel giorno in cui e' stato presentato l'accordo tra Palazzo Marino e FederlegnoArredo per la costruzione delle prime scuole in legno a Milano, l'assessore ai Lavori Pubblici, Carmela Rozza, ha legato l'effettiva realizzazione del progetto alla disponibilita' di risorse che, in parte, potrebbero giungere dal Governo visto l'impegno assunto dal neopremier Renzi, ma che soprattutto ci si aspetta arrivino dalla vendita del pacchetto A2A.

"Se ci sara' un po' di ragionevolezza - ha spiegato Pisapia - sapendo che la scuola e' una nostra priorita', confido che il consiglio possa muoversi anche in questa direzione". Il sindaco ha poi aggiunto che l'altra emergenza e' quella dell'edilizia popolare e proprio verso l'housing sociale potrebbe evolvere in futuro l'accordo con Federlegno, immaginando l'utilizzo del particolare materiale anche per la costruzione delle nuove case.

Tags:
pisapia a2a







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.