A- A+
Milano

"Se non si restituiscono risorse a chi ha il compito di evitare o limitare i reati e arginare la criminalita' sul territorio non riusciremo mai ad uscire da una spirale troppo spesso strumentalizzata per fini politici e non per finalita' positive nell'interesse della collettivita'". Lo ha detto il sindaco Giuliano Pisapia, a margine del roadshow di Confcommercio "Impresa diretta con il territorio", interpellato riguardo alle polemiche sulla sicurezza in citta'. Sul tema della sicurezza "quello che e' fondamentale - ha detto Pisapia - e' che non si taglino, come ha fatto il governo di cui faceva parte la Lega, le risorse per le forze dell'ordine". Una richiesta, quella su piu' risorse economiche e di personale per le forze dell'ordine "che in consiglio comunale viene ogni volta fatta dai consiglieri di maggioranza - ha detto il sindaco -di fronte alle strumentalizzazioni sul tema della sicurezza, affinche' chi ha responsabilita' attualmente prenda provvedimenti necessari e opportuni".

"La Lega invece di fare proclami lavori perche' torni sul territorio quell'impegno necessario per dare tranquillita' e sicurezza a tutti". Lo ha detto il sindaco Giuliano Pisapia, a margine del roadshow di Confcommercio "Impresa diretta con il territorio", riguardo alle critiche da parte della Lega in tema di sicurezza in citta' e in riferimento ai tagli alle risorse per le forze dell'ordine. "Questa e' una responsabilita' del governo Berlusconi, che ha tagliato fondi, uomini, ha limitato le presenze sul territorio di carabinieri e polizia e soprattutto - ha detto il sindaco - non ha dato disponibilita' per il funzionamento: quando le forze dell'ordine ci dicono che non hanno i soldi per la benzina, questa situazione ha delle precise responsabilita'. Allora la Lega invece di fare proclami lavori perche' torni sul territorio quell'impegno necessario per dare tranquillita' e sicurezza a tutti".

"La clandestinita', che sia reato o no, sicuramente e' qualcosa di illegale. Si e' dimostrato che trasformare in reato la clandestinita' con una sanzione esclusivamente pecuniaria non e' servito a niente, solo a caricare la giustizia di problemi senza dare le risposte necessarie per una regolamentazione su chi e' presente sul territorio". Lo ha detto il sindaco Giuliano Pisapia, in replica alle polemiche da parte della Lega sul tema del reato di clandestinita' e sulle posizioni del ministro Cecile Kyenge. Milano, ha detto inoltre Pispaia riguardo alle obiezioni del centrodestra sul livello della sicurezza in citta' "a differenza di altre citta' e metropoli italiane e europee ha un livello di sicurezza, come dicono i dati che confermano questore e prefetto, tendenzialmente rassicurante. Si puo' sempre fare di piu', si deve fare di piu'" e "quello che bisogna ricreare - ha sottolineato - e' quella coesione sociale fra cittadini che e' necessaria per evitare che si insinui la criminalita' sul territorio. Su questo stiamo lavorando, chiaramente e' una sfida difficile ma che possiamo vincere se le forze sociali della citta' e i cittadini sono uniti contro la piccola e grande criminalita'".

Tags:
pisapia lega nord







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.