A- A+
Milano
podestà

di Fabio Massa

S'erano tanto amati. E adesso, strana coincidenza, fondano due associazioni che percorrono ormai linee politiche completamente autonome. Finisce così, con due riunioni "gemelle", il sodalizio politico di Guido Podestà e Stefano Maullu. Il primo, presidente della Provincia di Milano, è profondamente insoddisfatto del Pdl ormai da tempo. Tanto che - avrebbe confidato ai suoi - ne cercava una via se non di uscita, quantomeno di smarcamento. Il secondo, ex assessore al Commercio nella giunta Formigoni e uomo "macchina elettorale" del presidente Podestà, ha invece deciso di rimanere fortemente integrato nel Pdl. Gli attriti tra i due erano cominciati ai tempi dei congressi per la segreteria provinciale e cittadina. Elezioni lontane, che nessuno quasi si ricorda più, con il segretario provinciale (in quota Alleanza Nazionale) Sandro Sisler autosospeso per un'inchiesta. Tuttavia, il solco scavato allora tra i due amici di un tempo, è diventato via via più profondo. Piccoli screzi e grandi differenze politiche. Fino ad adesso.

stefano maullu

Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it, i fedelissimi di Guido Podestà si sono riuniti presso gli uffici del presidente domenica sera. Attorno a un tavolo si sono seduti Cadeo, Accame, Cozzi, De Angeli, Sardone, Manca, Bove. L'idea è di fare un'associazione, il cui nome non è stato ancora deciso, ma che probabilmente sarà uno dei "marchi" registrati dal presidente alcuni mesi fa, che abbia come intento il collocarsi in una "rete" di moderati, tra i quali - si vocifera - ci sono vari parlamentari Pdl anche a livello nazionale. Inutile dire che in quest'ottica molti delusi dell'Udc potrebbero confluire. Insomma, il movimento di Podestà pare più orientato verso il centro, anche se storicamente il numero uno di Palazzo Isimbardi mantiene ottimi rapporti con il Carroccio.

Anche l'altra associazione non ha nome, che dovrebbe essere deciso nel giro di poche ore. Questa raccoglie Stefano Maullu, che già scalda i motori in vista delle europee dell'anno prossimo, il consigliere comunale Pietro Tatarella e il neoconsigliere regionale Fabio Altitonante. Poi ci sono vari consiglieri provinciali, molti sindaci e vari eletti dei comuni della Provincia. La rete - secondo quanto può riferire Affaritaliani.it - si estende a partire da quei 22 comuni che hanno premiato fortemente Altitonante alle ultime elezioni: Pogliano, Rho, Gorgonzola, Melzo. E non solo. Al di là delle due associazioni, c'è da registrare la definitiva fine di un'unione e di una storia. O meglio, l'inizio di due storie diverse.

@FabioAMassa

Tags:
podestà maullu







A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.