A- A+
Milano

Princi (boutique del food made in Italy) seleziona giovani per l’apertura del nuovo locale in piazza XXV aprile a Milano, la cui inaugurazione è prevista tra Sant’Ambrogio e la vigilia di Natale. Non devono aver compiuto i 30 anni, devono conoscere l’inglese e avere alle spalle almeno due anni di esperienza nel settore. A fine 2014 avranno tutti la possibilità di incassare la quindicesima mensilità (che oggi praticamente non esiste, neppure nel settore bancario) se solo dimostreranno efficienza, efficacia e motivazione.
Rocco Princi, calabrese di Fiumara, 53 anni, affiancato dalla moglie Giuseppina apre il primo negozio di panettiere a Milano nel 1985. Oggi ha 175 dipendenti (di cui 95 a Londra) e con le nuove assunzioni supererà abbondantemente la soglia dei 200. Dieci amministrativi (metà a Londra), 20 tra pizzaioli, panettieri e cuochi, si accinge ad una nuova selezione, questa volta più difficile perché Piazza XXV aprile è destinata a diventare la scuola di formazione interna nella società. I migliori saranno chiamati a inaugurare e gestire le nuove location in Italia e all’estero.
I candidati sono avvisati: il nuovo Princi – nelle intenzioni del fondatore – resterà aperto 365 giorni l’anno, 23 ore al giorno (dalle 7 del mattino alle 6 del mattino successivo, se otterrà i necessari permessi). Ma vediamo quali ruoli sono disponibili e con quali guadagni netti
- 1 maitre (tra € 2.200 e € 2.500)
- 8 chef (affiancati da 2 vice) con uno stipendio netto mensile di €3.000
- 3 panettieri (€ 1.300)
- 3 pizzaioli (€ 1.300)
- 3 barman (e 3 vice barman) con stipendio variabile a seconda del turni
- 10 commesse (variabilità festività e notturno)
- 11 camerieri (variabilità festività e notturno)

E infine un general manager, “il padrone di casa”, con una retribuzione di partenza di € 3.000 a salire grazie a un sistema premiante equiparato ad un dirigente di una società industriale.
Il totale fa 45. E tutti e 45 avranno la possibilità di conquistare la quindicesima mensilità. Tutti e 45 potranno anche trascorrere un periodo nel locale di Londra per approfondire la lingua e per avere sul curriculum un’esperienza internazionale.
Oggi Londra conta su 95 unità, il 70% sono ragazze ragazzi italiani. Imparano un mestiere e la lingua. Milano ha un organico di 80 persone (che entro fine mese saliranno appunto a 120), il 40% sono
 extracomunitari.
“Non conta da dove vieni – spiega Rocco Princi – ma come ti sai porre nei confronti del cliente che proviene da ogni parte del mondo. Mi aspetto di selezionare ragazzi che abbiano fatto le scuole di settore, che abbiano un minimo di esperienza sul campo (due anni) e che affrontino con lo spirito giusto turni pesanti che ci dovrebbero consentire praticamente di non chiudere mai. Piazza XXV aprile sarà  il nostro centro di formazione permanente. Ogni diversa professionalità sarà seguita e migliorata come se già fossimo una multinazionale e come se Londra fosse già affiancata da capitali sparse nel mondo. L’idea della quindicesima è mia. E non tocca turni notturni o straordinari. E’ proprio una mensilità in più che sia da stimolo per offrire ai clienti il massimo della produzione Princi, dal pane al ristorante, dalle pizze ai dolci. (Per maggiori informazioni princi@princi.it)

Tags:
princi







A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.