A- A+
Milano

 

Guido Podestà 2

"In tutti i Paesi europei è, oggi, contemplato un livello di governo intermedio - ha dichiarato il presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà, a margine dell’incontro sul tema “Basta bugie ai cittadini, parte l’operazione verità. La sfida delle Province del Nord” - È, in tal senso, impensabile che la Lombardia, il Piemonte o il Veneto non possano disporre di un ente così importante per gestire i territori.  Il governo Monti, prima, e l’esecutivo Letta, adesso, hanno, invece, introdotto una falsa aspettativa sul possibile risparmio legato all’abolizione delle Province. Uno studio condotto dall’Università Bocconi sostiene, però, che il provvedimento determinerebbe la crescita della spesa. Basti pensare al costo prodotto dal trasferimento dei dipendenti alle Regioni o alla confusione generata in un Paese organizzato su base provinciale. Noi crediamo che sia necessaria una riforma complessiva dello Stato, che coinvolga tutte le istituzioni e le migliaia di società, enti parco, consorzi di bonifica e unioni di Comuni. Evitiamo, dunque, di gettare fumo negli occhi alla gente: questa logica di centralismo è contraria all’interesse cittadini, che sono sempre più lontani dalle scelte cruciali per i loro territori".

Tags:
province podestà






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.