Provinciali/ Philippe Daverio ad Affaritaliani.it: "Vado sul web per comunicare in modo più raffinato"

Sabato, 2 maggio 2009 - 12:51:00

Provinciali Milano/ Philippe Daverio fa campagna elettorale sul web

Provinciali/ Enrico Marcora (Udc): “Dimezzare il numero degli assessori”

di Daniele Riosa

"Volevo vedere se si poteva parlare di politica in modo più sofisticato, senza essere incomprensibili o eccessivamente complicati. E' un modo di parlare agi elettori riportando il tutto a una mediazione diversa da quella utilizzata fino ad oggi". Philippe Daverio, capolista della lista Penati, sceglie Affaritaliani.it per annunciare il suo debutto sul web. Il critico d'arte infatti ha realizzato 6 video, visibili su you tube, in cui illustra il suo programma elettorale e quello della lista Penati in vista delle amministrative del 6 e 7 giugno. Penati? "Vincerà perché è innovativo. Ha un programma e gli avversari sono costretti a seguirlo". Meglio le Veline o Mastella? "Sicuramente l'ex ministro. La categoria del bello corrisponde a un modello etico: quello proposto dalle veline è uno dei modelli più bassi della storia occidentale"

Com'è nata l'idea di realizzare i video su you tube e perché?
"Ci sono due modi diversi di concepire la politica. Come un prodotto di basso consumo e come tale merita una comunicazione da basso consumo, oppure come un meccanismo di alto consumo e quindi merita un'attenzione diversa. Nel secondo caso posso usare lo stesso linguaggio che uso quando parlo di Palladio o dell'arte contemporanea in Africa. Dipende da come si guarda la faccenda politica. Ma vorrei aggiungere una cosa...".



Clicca qui per vedere il video

Quale?
"Essendo molto vicino al comportamento situazionista penso che bisogna andare per istinto mentre molti vanno per abitudine. Gran parte del linguaggio politico non è altro che figlio di un altro linguaggio politico. In Italia i linguaggi più innovativi sono contraddistinti dall’impulsività".

Ad esempio?
"Quello di Berlusconi, perché rompe ogni tipo di estetica linguistica per imporre la propria. Così com'è radicalmente innovativo quello di Bossi e di Di Pietro. Questi tre linguaggi tendono al profilo della politica come prodotto basso. Volevo vedere se si poteva parlare di politica in modo più sofisticato, senza essere incomprensibile o eccessivamente complicati”.


Clicca qui per vedere il video

Lei usa anche il milanese...
"Infatti. E' un modo di parlare riportando il tutto a una mediazione diversa da quella utilizzata fino ad oggi. Non so se sia una strada corretta o meno. Ma mi rendo conto che è l'unica via alternativa plausibile".

Lei parla di una politica dopata. Perché?
"Reputo che nella politica ci sia il doping, ovvero i soldi. Abbiamo mandato una preghiera a San'Antonio in cui gli chiediamo di fornirci la catena di sant'Antonio in internet come alternativa ai cartelloni elettorali che costano 30mila euro l'uno".

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA