A- A+
Milano

Un miliardo di euro a disposizione delle imprese lombarde. E' 'credito in cassa', l'iniziativa straordinaria di Regione Lombardia per rispondere concretamente al fabbisogno di liquidità delle imprese e per sbloccare gli investimenti degli Enti locali sul territorio, presentata oggi dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, affiancato dagli assessori Alberto Cavalli (Commercio, Turismo e Terziario), Massimo Garavaglia (Economia, Crescita e Semplificazione) e Mario Melazzini (Attività produttive, Ricerca e Innovazione), alla presenza delle parti sociali e del mondo imprenditoriale. Un provvedimento che, ha detto Maroni, "risponde concretamente al bisogno di liquidità delle imprese, mettendo queste risorse a disposizione da subito con procedure estremamente semplici". "Un provvedimento - ha proseguito - che si rivolge a tutte le imprese lombarde (micro, piccole, medie e grandi), appartenenti a tutti i settori. Uno strumento che sarà un beneficio anche per le amministrazioni locali, che avendo scadenze di pagamento più diluite, potranno avviare nuovi investimenti sul territorio".

"Semplice, efficace e coraggiosa", coså Maroni ha definito il provvedimento "Credito in Cassa", iniziativa che, con il supporto di Finlombarda, porta in dote 1 miliardo di euro destinati a saldare i debiti delle pubbliche amministrazioni verso le imprese. "Una misura shock" rivolta a tutte le aziende lombarde (micro, piccole, medie e grandi) ma anche a Comuni e province. Il processo di Credito in Cassa si articola in tre azioni: l'impresa cede alle società di factoring il proprio credito scaduto verso gli enti locali ottenendo liquidità a condizioni competitive. Successivamente gli enti locali si impegnano a pagare il debito entro "12 mesi per le spese ordinarie e 36 per gli investimenti" alle società di factoring, divenute nel frattempo creditori verso le amministrazioni. Maroni si è detto "pienamente soddisfatto" della misura che rappresenta "un modo nuovo di intendere i rapporti tra enti pubblici e imprese". Un'iniziativa rivolta a tutte le aziende anche a quelle "micro" fa notare l'assessore regionale all'economia Massimo Garavaglia. "Per i crediti cedibili abbiamo scelto un importo minimo pari a 10 mila euro proprio per venire incontro a gran parte delle aziende lombarde che senza un limite coså basso sarebbero rimaste tagliate fuori dalla misura". I crediti, spiega ancora Garavaglia, potranno riguardare sia le spese correnti sia le spese in conto capitale e avere un importo massimo di 750 mila euro per i Comuni e di 1,3 milioni per le Province e i Capoluoghi di provincia. L'impegno finanziario di Regione Lombardia non finisce qui. Diciannove milioni di euro verranno infatti messi a disposizione per ridurre gli oneri finanziari delle imprese connessi alla cessione del credito e per contro garantire il pagamento da parte degli enti locali. Inoltre 50 milioni di euro, resi disponibili da Finlombarda, serviranno a garantire il pagamento da parte degli enti locali. La misura è stata salutata con favore da tutte le sigle produttive territoriali coinvolte nel progetto e da Confcommercio. "L'anticipo di un miliardo di euro della Regione Lombardia - ha commentato Carlo Sangalli presidente di Confcommercio Lombardia è una vera boccata d'ossigeno per le nostre imprese". L'iniziativa "Credito in cassa", spiegano dalla Regione, verrà inviata anche all'attenzione del governo di Roma. "La nostra misura rappresenta un modello efficace e veloce per aiutare le imprese - conclude Maroni - ed è anche una risposta ai detrattori che ci tacciano di immobilismo. Ecco a loro noi rispondiamo con i fatti e non con le parole".

Tags:
miliardo







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.