A- A+
Milano
Manovra/ Lombardia e Veneto: siamo pronti alla rivolta fiscale


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


I Governatori leghisti Roberto Maroni e Luca Zaia sono sul piede di guerra. E, se non ci saranno cambiamenti nella Legge di Stabilità voluta da Matteo Renzi, promettono di dare il via alla rivolta fiscale.

"A fronte di una scelta irragionevole che prevede una netta sforbiciata alle risorse delle Regioni, cosa che produrrebbe un drastico taglio dei servizi, visto che i costi sono ormai ridotti all'osso, posso dire che se il premier vuole la guerra avrà la guerra". Lo afferma ad Affaritaliani.it Massimo Garavaglia, assessore all'Economia e al Bilancio della Lombardia.

"La rivolta fiscale nei confronti delle Stato centrale, se le cose restassero così, vedrà Lombardia e Veneto dalla parte dei cittadini. Stiamo studiando misure molto efficaci per fare molto male al sistema", spiega Garavaglia.

Ma i cittadini correrebbero qualche rischio? "Ovviamente siamo dalla parte dei cittadini contribuenti, che con questa manovra del governo vedranno la pressione fiscale inasprita in maniera pesante. Li aiuteremo a pagare di meno. Siamo pronti".

Questa è la posizione solo della Lombardia e del Veneto o anche altre Regioni potrebbero seguirvi? "La confusione è tale in questo Paese che anche altre Regioni potrebbero capire che è meglio stare dalla parte dei cittadini".

Tags:
fisco








A2A
A2A
i blog di affari
Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lotta contro il razzismo, l'ennesimo strumento di controllo del tecnocapitale
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.