A- A+
Milano

 

alan christian rizzi 500

di Fabio Massa

Alan Rizzi, capogruppo del Pdl in consiglio comunale a Milano, attacca duramente il sindaco Pisapia sulla vicenda sicurezza e sul bilancio di previsione. Ad Affaritaliani.it spiega: "Come è possibile andare in giro per un chilometro con un piccone insanguinato senza incontrare una pattuglia delle forze dell'ordine? E' assurdo. La domanda è: questa città è ancora presidiata? E poi non vogliono i militari". Sul bilancio Rizzi spiega: "Alzeranno l'addizionale Irpef, agiranno nel settore dei trasporti, congelano milioni per la cultura, lo sport e i servizi sociali. Ci sarà una pioggia di tasse. Come è nel loro stile da quando si sono insediati..." L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI..IT

Capogruppo Rizzi, partiamo dal folle che ha colpito e ucciso tre persone armato di piccone. Vi accusano di aver strumentalizzato le picconate di Niguarda.
Premetto che ci stringiamo alle tre famiglie delle vittime. Ma a livello politico bisogna chiederselo: come ha fatto un uomo a percorrere indisturbato un chilometro di città munito di piccone insaguinato, senza trovare nessuna pattuglia delle forze dell'ordine. Questa cosa è incredibile. E dicono che è una città sicura. E rifiutano i militari. Oggi alcuni si pongono il problema che nessun cittadino ha chiamato il 112. Ma la questione non è questa: si può stare in giro armati senza incontrare nessuno in divisa? Vuol dire che il presidio del territorio non è più quello di prima. Le periferie sono abbandonate.

Capitolo bilancio: lei ha incontrato l'assessore Balzani...
Sì, e devo dire che non sono molto soddisfatto. In un primo tempo ci aveva detto che si era fatto un taglio della spesa di 108 milioni, con ultriori piccoli assestamenti di 38 milioni. A 10 giorni fa, il disavanzo sfiorava i 300 milioni. Tutto questo senza mai entrare nei contenuti, cioè senza dire che cosa stavano andando a tagliare. Lunedì, all'ultima riunione, l'assessore Balzani ci dice che l'amministrazione ha deciso di congelare 30 milioni di euro. Ma ancora una volta senza spiegare. Allora io ho insistito per avere spiegazioni.

Le ha avute?
Ho voluto avere degli esempi. Ed è venuto fuori che avrebbe congelato 5 milioni di euro per i servizi sociali. Tra i quali l'assistenza al domicilio degli anziani, il sussidio a chi è rimasto senza lavoro. Un milione e duecentomila euro sullo sport sono stati congelati. In più sono stati tagliati due milioni sulla cultura. Basta alle aperture straordinarie dei musei. Ci saranno risparmi su Scala e Piccolo. Un massacro. Per non parlare delle tasse.

In che senso?
Nel senso che stimano di avere maggiori entrate per 27 milioni. Dodici di questi derivano dall'occupazione del suolo pubblico. Quattro milioni derivano dall'avanzo del 2012 e 12 milioni di euro derivano da un lodo su una compravendita immobiliare.

Il suo commento politico qual è?
Noi siamo assolutamente preoccupati perché non ci è stato spiegato quali saranno i tagli. Noi siamo disposti a fare squadra per fare la battaglia sul patto di stabilità in previsione di Expo. Su questo siamo d'accordo. Ma su tutto il resto no. Il sindaco gioca con la vicenda dell'Imu. Ma ricordiamoci che i soldi che derivano da quella tassa sono già a bilancio. Il fatto che stia andando a parare su un discorso che non c'entra niente, ci preoccupa ancora di più. Pensiamo che vogliano utilizzare l'Imu come ricatto al governo per dire: o ci fate questo o noi tagliamo i servizi alle fasce più deboli. E' una delle pratiche più negative che l'amministrazione possa attuare. Ma c'è di più...

Dica.
I
l conto totale ci dice che abbiamo ancora 250 milioni di disavanzo. Il sindaco ha detto che aumenterà l'addizionale Irpef e qualcosa legato ai trasporti. Quindi, ancora una volta mettono tasse senza dare servizi. Pisapia però ha dato facoltà agli assessori di dare consulenze, di aumentare i contributi alle associazioni. Ci aspetta un bilancio che per andare in pareggio prevede una pioggia di tasse. Su questo ci opporremo.

Opposizione dura, come non se ne vedeva da tempo?
Avevamo delle vicende da risolvere al nostro interno. Ma adesso le cose sono cambiate. E poi vi rendete conto che in consiglio comunale non si discute di nulla? Ora, noi del Pdl, ci siamo dati un modello differente rispetto a prima. Prima c'erano settori e specializzazioni, adesso invece tutti possono intervenire sotto la regia mia e di Matteo Forte, il vicecapogruppo.

Con la Lega che rapporto c'è?
Ottimo, straordinario. Programmiamo quasi tutto insieme. Poi ognuno ha le sue battaglie. Vogliamo un'azione comune di tutta l'opposizione.

@FabioAMassa

Tags:
rizzi pdl







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.