A- A+
Milano
Rizzo: "Il caso Expo? Sala ha qualche responsabilità"

di Fabio Massa

Basilio Rizzo, presidente del consiglio comunale di Milano, in un'intervista ad Affaritaliani.it torna a sparare forte dopo le ultime inchieste su Expo. "Io non auguro la prigione a nessuno, ma la politica ha il dovere di intervenire. Pisapia? Su Acerbo avrebbe potuto prendere quella posizione mesi fa. Sala? Qualche responsabilità ce l'ha". Infine, sulla moschea: "O viene convocata la commissione oppure lo farò io". L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Presidente Rizzo, dopo le ultime inchieste su Expo le dimissioni che lei aveva chiesto non sono arrivate.
Io sto ponendo dei problemi. Li ho posti per tempo. Il sindaco sulla questione di Acerbo ha fatto qualcosa che si sarebbe potuto fare già a maggio, quando sono uscite le intercettazioni. La mia considerazione è questa: la politica e la buona amministrazione hanno dei criteri diversi dalla magistratura. La magistratura deve avere le prove, deve presupporre l'innocenza fino in fondo, mentre la politica ha bisogno di fiducia, di credibilità, di scegliere persone al di sopra di ogni sospetto. Usa dei canoni diversi.

E quindi?
E quindi io penso che quando una persona, che può essere Acerbo ma non solo, compare come appartenente a un giro, viene classificato come amico da alcuni di loro, per me ce ne è abbastanza.

Sì, ma di reati non ce n'è, se si viene "classificati" come amici.
Io non auguro la prigione a nessuno. Però ragioniamoci: se adesso noi per fare una scelta politica aspettiamo il responso dei giudici, paradossalmente ci mettiamo nelle mani dei giudici. Se per andare a rivedere un appalto dobbiamo aspettare che qualcuno sia super-arrestato o super-condannato dopo tre gradi di giudizio, allora vuol dire che ci mettiamo nelle mani della magistratura. Io voglio che siano due poteri diversi.

Esiste un problema di Pisapia e della sua squadra nell'individuazione di queste responsabilità?
Certo che esiste. Io avanzo le critiche nei luoghi opportune. Io non ho questa responsabilità, ma se l'avessi avuta non avrei più mantenuto come collaboratori Cetti e Acerbo. Questo è del tutto evidente. Se si sono fatte altre scelte ci sono evidentemente elementi di conoscenza che io non ho. Di più non voglio o non posso dire.

Facciamo un'ipotesi. E se un domani dovessero indagare Sala, lei ne chiederebbe le dimissioni?
Io non chiedo le dimissioni di nessuno. Se dovessi però avere la possibilità di non nominare o di rimuovere, lo farei. Le critiche che io faccio su tutta una serie di persone di Expo non portano alla richiesta di dimissioni, ma all'inopportunità della loro nomina.

Quindi, niente dimissioni.
Mettiamola così: se io fossi indagato mi sarei dimesso. Su Sala è del tutto evidente che con queste persone ci ha lavorato fianco a fianco, vi ha riposto fiducia. Se la sua fiducia viene tradita è anche giusto che si prenda delle responsabilità. Io ricordo di ministri tedeschi che si sono dimessi perché la loro cameriera si è comportata male.

Nella gestione della partita Expo, Pisapia la delude o la convince?
Io sono convinto che alcune dovevano essere fatte prima. All'inizio bisognava decidere una svolta diversa sull'Expo. Sono convinto però che se ci fosse stata una giunta di centrodestra sarebbe stato molto peggio.

Digressione: sulla moschea non è ancora stata convocata la commissione...
Io ho avuto una richiesta da parte dei consiglieri. Ci siamo dati qualche giorno perché io non voglio scavalcare nessuno. Se i presidenti di commissione non convocheranno la riunione, dato che il regolamento prevede che possa intervenire io, vorrà dire che interverrò. Devo dire che l'idea che si ritardi il confronto non è una cosa buona, non fa del bene.

Chiudiamo sulla "cosa arancione". Il progetto si è arenato?
Preferisco chiamarlo progetto di "centrosinistra vero". Piuttosto che il governo Renzi meglio fare governi di centrosinistra come a Milano.

Come valuta l'operato della nuova segreteria del Pd?
Non ho mai sentito uno solo dei dirigenti del Pd mettere in discussione l'arco di alleanze che è alla base di questa giunta. Quindi io mi fido di quel che viene detto...

@FabioAMassa

Tags:
rizzoexposala







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.