A- A+
Milano
di Fabio Massa
 
Le metropolitane milanesi hanno un cervello nuovo di zecca. "Se non per la lunghezza della rete, siamo tra le prime società europee per questa primizia tecnologica - spiega in anteprima ad Affaritaliani.it il presidente di Atm Bruno Rota - La sala controllerà i treni, l'alimentazione e i passeggeri. E' una grande scommessa costata 11 milioni di euro". L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT
 
Presidente Rota, la metropolitana di Milano ha un nuovo cervello.
Esatto. E' la dimostrazione ulteriore della capacità di Atm di gestire sistemi tecnologicamente complessi e all'avanguardia. Area C è stato un progetto importante. Ma questa primizia tecnologica ci pone tra le principali società europee se non per la dimensione della rete quantomeno per la capacità di innovare.
 
Che cos'è questo nuovo cervello?
E' una sala integrata, multifunzionale. E' una sala realizzata col solito coraggio di Atm.
 
In che senso "coraggio"?
Nel senso che non basta comprare, ma bisogna essere capaci di implementare, e di reggere la pressione dei piccoli disservizi che potrebbero esserci. Noi ci siamo riusciti e questa sala operativa è già una realtà consolidata.
 
Perché consolidata?
Perché è in funzione da diverso tempo. Ma abbiamo tenuto i vecchi sistemi in sovrapposizione.  Domani spegniamo quei sistemi e ci avviamo in una nuova era.
 
In parole povere che cosa fa questa sala operativa?
Questa sala esercita l'attività di controllo sui treni, i sistemi di alimentazione e il movimento dei passeggeri. Per ogni linea ci sono tre postazioni dedicate e tutto questo avviene in una grandissima sala dove le realtà interagiscono tra di loro. Questo garantisce una immediatezza di comunicazione notevole.
 
Qual è il prossimo step?
A dicembre dovremmo riuscire a fare in modo che le prime stazioni possano ricevere le comunicazioni direttamente dal cervello centrale. L'obiettivo è di dialogare con le banchine e i treni. Stiamo investendo in questo senso.
 
Quanto avete speso?
11 milioni circa. La gara è avvenuta nel 2010, la parte civile è stata completata nel 2012, sulla parte software e hardware abbiamo lavorato fino ad oggi. 
 
@FabioAMassa
Tags:
rota atm







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.