A- A+
Milano

 

 

Carmela Rozza

di Fabio Massa

 

Carmela Rozza è una delle "pasionarie" delle case popolari. Da sempre se ne occupa, e - pur non avendo la delega alla Casa - rimane una delle rappresentanti a Palazzo Marino degli inquilini Aler. Con un'intervista ad Affaritaliani.it attacca frontalmente il Pdl in Regione: "E' chiaro che stanno usando Aler per una battaglia politica interna, una lite tra loro. Intanto i cittadini stanno già pagando". E ancora: "Invece di pensare a quante aziende fare, analizzino perché i servizi non vengono erogati, perché ci sono i debiti e come pensano di ripianarli. Se stanno progettando un aumento degli affitti la gente non ce la farà a pagare..."

Assessore Rozza, parliamo di Aler.
Premetto che non sono l'assessore alla Casa.

Ma lei è un'esperta, segue la tematica case popolari da sempre. Che cosa ne pensa di quel che sta avvenendo in Regione? Due proposte diverse dal Pdl..
Il fatto che si attardino a ragionare sul numero di filiali e non guardino che cosa sta succedendo dentro è indicativo di come stanno gestendo la vicenda. La verità è che usano Aler come uno strumento della loro battaglia politica interna. I cittadini stanno già pagando tutto questo. Perché invece di chiacchierare non guardano a quello che c'è dentro Aler?

Che cosa c'è dentro Aler?
C'è di tutto. C'è da capire, ad esempio, perché ci sono i debiti, perché non stanno funzionando i servizi, qual è l'organizzazione interna che non produce risultati. Mancano portinerie, qualcuno se ne vuole occupare?

Sua opinione personale: meglio un'Aler unica oppure più Aler divise?
Fare corrozzoni e cambiare nomi non serve a nessuno. Io il ragionamento non lo farei partendo dal numero delle filiali ma da come snellire all'interno il carrozzone Aler. Mi piacerebbe che mi dicessero come risolvono i bilanci. Se pensano di aumentare gli affitti, con il prevedibile risultato che la gente non ce la farebbe a pagare i canoni.

Lei si è astenuta sul voto dell'affidamento ad Aler del servizio a Milano...
Io sono arrivata in ritardo, ma non per strategia. La proroga è un fatto dovuto. La prossima volta decideremo definitivamente. Non è che non l'ho votata: l'avrei votata, se fossi arrivata in tempo.

@FabioAMassa
 

Tags:
rozza pd







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.