A- A+
Milano

Il Festival di Salisburgo ha acconsentito di permettere al direttore Alexander Pereira di lasciare l'incarico in anticipo per andare a dirigere il Teatro alla Scala di Milano. Il manager austriaco lascera' l'Austria con due anni di anticipo, alla fine del settembre 2014, e dapprima affianchera' l'attuale sovrintendente della Scala, Stephan Lisser, per poi subentrargli nel 2015, l'anno dell'Expo.

La notizia della nomina di Pereira alla Scala ha suscitato malumori in Austria. Il manager austriaco ha cercato di smorzare le polemiche con un'intervista radiofonica in cui ha assicurato che quando firmo' per Salisburgo non immaginava minimamente che avrebbe ricevuto un'offerta da Milano.

Tra i piu' accreditati per la successione del 63enne manager viennese c'e' Markus Hinterhaeuser, ex direttore ad interim del Festival di Salisburgo che si rendera' disponibile nel 2017, al termine dell'incarico al Festival di Vienna. Fino ad allora, sara' il responsabile del teatro, Sven-Eric Bechtolf, a gestire l'interim.

Tags:
salisburgo pereira







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.