A- A+
Milano

Trecentosessanta appartamenti costruiti su un'area di 32mila metri quadrati: la polizia e i carabinieri di Pavia hanno sequestrato il complesso 'Green campus' a Pavia. Stando a una nota, i reati contestati sono "lottizzazione abusiva ed esecuzione di lavori e opere su area sottoposta a vincolo paesaggistico". In particolare, si spiega, una societa' avrebbe "realizzato opere residenziali, ponendole in vendita al libero mercato, in violazione alla originaria concessione per la costruzione di alloggi destinati esclusivamente a locazione a personale docente e studenti universitari". Settanta appartamenti erano gia' stati venduti a privati. Cinque persone, liberi professionisti e imprenditori sono stati denunciate.

"In riferimento alla notizia del sequestro del complesso residenziale Green Campus, si precisa che le anticipazioni giornalistiche contengono imprecisioni sull'Universita' di Pavia", si legge in una nota diffusa dall'ateneo. Il rettore dell'Universita', Angiolino Stella, chiarisce, si prosegue, che Green Campus non e' "un'area del Polo tecnologico dell'Universita' di Pavia", ma un intervento edilizio di iniziativa privata, realizzato su un terreno privato, confinante con terreni dell'Universita'. "La programmazione edilizia dell'Universita' da tempo non prevede nessuna nuova edificazione, ma riguarda solo ristrutturazioni e riqualificazioni di edifici esistenti, anche di valore storico, come Palazzo Botta, Palazzo Vistarino e il Campus della salute-polo di medicina".

Tags:
scandalo pavia







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.