A- A+
Milano
Scarcerato il complice del killer del vigile Savarino

Il giudice della quarta sezione penale Oscar Magi ha accolto oggi l'istanza del difensore, l'avvocato David Russo, e ha revocato la misura degli arresti domiciliari.

Magi è il giudice che il 10 febbraio ha condannato Stizanin, concedendogli le attenuanti generiche e disponendo la sospensione condizionale della pena a patto che l'imputato risarcisca le parti civili (35mila euro a Rocco Savarino, fratello dell'agente ucciso, e 15mila euro al Comune di Milano). In quell'occasione, invece, il giudice non aveva revocato la misura cautelare degli arresti domiciliari che erano stati concessi al rom dal riesame lo scorso gennaio, dopo che il giovane era finito in carcere nell'agosto 2013, estradato dalla Bosnia dopo un periodo di latitanza. L'avvocato Russo, però, dopo la sentenza ha presentato un'istanza sostenendo che per legge non si può condizionare la sospensione della pena al pagamento di un risarcimento, ma al massimo si può indicare un termine per versare il risarcimento, comunque sospendendo la pena da subito e revocando le eventuali misure cautelari. Istanza che è stata accolta dal giudice e Stizanin è stato rimesso in libertà.

Tags:
savarino






A2A
A2A
i blog di affari
Incostituzionale l'indeducibilità dell'IMU per le imprese: ora i rimborsi
Matrimonio tra Pascale e Turci, l'altro significato...
di Maurizio De Caro
PROGETTI PER LE SCUOLE, CONTRO LA MIOPIA, FONDI PER CONSUMATORI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.