A- A+
Milano

La palla passa al Governo, o almeno cosi' vorrebbero i sindacati. Al termine del vertice tenutosi tra parti sociali, Comune di Milano e Sea sul caso Sea Handling, il segretario della Uil lombarda, Walter Galbusera annuncia un "comunicato congiunto per chiedere al Governo di intervenire per sospendere il provvedimento". Laddove per "provvedimento" si intende l'obbligo di restituire a Sea 360 milioni giudicati dalla Commissione europea come 'aiuti di Stato'. La corsa e' tutta per cercare una soluzione, dunque, alla maxi-multa che determinerebbe di fatto il fallimento di Sea Handling.

I sindacati, dunque, puntano sulla sospensiva della sanzione da ottenersi con i ricorsi provenienti tanto dalla Sea, quanto da Comune e Governo: al termine dell'incontro a Palazzo Marino, dove erano presenti anche il sindaco, Giuliano Pisapia, e di Vito Gamberale che guida il Fondo F2i, azionista di minoranza di Sea, Galbusera ha, infatti, fatto notare che "il problema principale e' evitare il fallimento e quindi se si riesce o meno a sospendere la multa, altrimenti - ha concluso - nasceranno problemi ben piu' seri".

Tags:
sindacati sea handling







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.